Lunedì 25 Giugno 2018

Oltre duemila cesenati hanno chiesto aiuto al Centro Donna nel 2017

Sabato 13 Gennaio 2018

Sono state 2020 le cesenati che si sono rivolte al Centro Donna nel 2017, con un incremento di quasi il 10% rispetto al 2016, quando le utenti erano state complessivamente 1.893. Il trend in crescita è confermato anche dai nuovi accessi: negli ultimi dodici mesi le persone che si sono rapportate al servizio per la prima volta sono state 424, pari al 20% del totale.

 

 

La maggior parte delle donne che hanno chiesto aiuto al centro ha un’età compresa fra i 30 e i 49 anni, è sposata o, comunque, convivente. Le italiane rappresentano il 60% dell’utenza, mentre fra le straniere, negli ultimi anni, si è registrato un significativo aumento delle donne provenienti dai Paesi dell’Europa dell’Est fuori dall’Ue, che da sole costituiscono il 10%; in ripresa anche il dato degli utenti provenienti da paesi di area magrebina e del Sud America, in calo invece l’utenza proveniente da paesi della CEE.

 

Il titolo di studio prevalente è il diploma di scuola media superiore, mentre da un punto di vista lavorativo la condizione più diffusa è quella di disoccupata. E il problema del lavoro è certo uno dei più sentiti dalle donne che hanno interpellato il centro: lo indicano le 30 consulenze attivate nel corso dell’anno per l’orientamento al lavoro, che si sono tradotte in 75 colloqui individuali. Ma più in generale, le operatrici del Centro Donna segnalano l’esigenza crescente manifestata dalle utenti di avere un supporto anche per candidature on line sui siti internet e per compilazione di domande di lavoro.

 

Gli accessi al servizio che si occupa di disagio sono stati 165, e fra essi i casi più frequenti sono le separazioni altamente conflittuali (36 contro i 32 del 2016), i maltrattamenti (22 contro i 19 del 2016), lo stalking (12 contro i 5 del 2016). Ma vi compaiono anche un caso di cyber bullismo e due casi di violenze sessuali. Proprio sul fronte del contrasto alla violenza di genere si registra un forte impegno del Centro Donna. Sono stati 31 i casi di accompagnamento alla rete antiviolenza del territorio (erano stati 14 nel 2016) e in questo contesto nel corso dell’anno si sono cementati con i servizi sociali e sociosanitari, con incontri, seminari, momenti di formazione dedicati.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it