Mercoledì 21 Febbraio 2018

ELEZIONI / Cuperlo (PD) abbraccia Errani (LeU) in Piazza del Nettuno a Bologna

Domenica 11 Febbraio 2018
Foto Ansa

L'esponente della minoranza PD, Gianni Cuperlo, non ci sta alla guerra a sinistra. Vuole la pace, soprattutto pensa al dopo. "Vasco Errani è un amico di tante battaglie, è un riformista e io ho pensato fin dal momento in cui i percorsi si sono separati in questa campagna elettorale che fosse un dovere di tutti, del Pd e delle altre forze della sinistra o del centrosinistra, respingere le sirene di una campagna fratricida a sinistra perché non è quello di cui abbiamo bisogno noi e il Paese". L'ha detto a Bologna Gianni Cuperlo, a margine di una manifestazione in Piazza del Nettuno. 

"Il campo di centrosinistra si presenta diviso in una campagna elettorale molto difficile. Dobbiamo guardare il lato che ci consente di pensare al dopo. Il giorno dopo bisognerà ricostruire l'unità di un perimetro largo di quel centrosinistra che in questa città ha sempre trovato ragioni per rinnovare se stesso. Penso a una figura autorevole come Prodi, all'appello che ha rivolto" ha detto l'esponente PD.

Poco dopo, Cuperlo e l'ex presidente dell'Emilia-Romagna, in corsa per Liberi e Uguali al Senato, si sono incrociati e abbracciati.

La notizia è riportata dall'ANSA da cui è tratta anche la foto dell'incontro fra Gianni Cuperlo e Vasco Errani.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it