Lunedì 19 Novembre 2018

Il ministro Franceschini s'impegna a sostenere il riconoscimento del liscio come patrimonio Unesco

Lunedì 12 Febbraio 2018
Il sindaco Filippo Giovannini, Riccarda e Lisa Casadei, Dario Franceschini, Giordano Sangiorgi, Moreno Conficconi

L'esponente del Governo ha visitato il Museo Secondo Casadei a Savignano sul Rubicone accompagnato da figlia e nipote del Maestro e dal sindaco Giovannini

Il ministro per i Beni culturali e Turismo Dario Franceschini ha visitato domenica 11 febbraio a Savignano sul Rubicone il Museo Secondo Casadei, ammirandone il grande patrimonio culturale e musicale.



Guidato da Riccarda Casadei, figlia del maestro Secondo, nelle sale del Museo, che ospitano anche le Edizioni Casadei Sonora, Franceschini ha ascoltato con interesse il brano “Romagna Mia” eseguito da Claudio Castagnoli con il violino originale del maestro Secondo Casadei, ha ammirato i numerosi riconoscimenti ottenuti, i manifesti, le immagini, le foto, i dischi e gli strumenti musicali. Moreno Conficconi ha segnalato il grande lavoro per ottenere l'avvio dell'iter per il riconoscimento del liscio come patrimonio dell'Unesco.

Franceschini ha ricevuto come omaggio il doppio cd “Mi chiamo Secondo”, assieme al cd “Romagna Mia” in spagnolo cantato da Tonino Carotone, autografando la sua visita al Museo Secondo Casadei con la dedica "Da figlio di questa terra l'orgoglio di tornare da ministro della cultura a trovare il grande Secondo Casadei" aggiungendo che "Il liscio può essere un grande veicolo per il turismo internazionale perché valorizza la tradizione con una grande attenzione verso l'innovazione con eventi che si incontrano e creano nuove sonorità inserite nella tradizione". Al termine dell'incontro il ministro ha confermato l'impegno di avviare l'iter per il riconoscimento Unesco del liscio coinvolgendo anche il Mibact attraverso il dossier già realizzato dai protagonisti del settore musicale, storico e turistico.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it