Venerdì 18 Gennaio 2019

Legge stabilità. Assessore Corsini: "Con emendamento Bolkestein si rischia procedura di infrazione"

Venerdì 28 Dicembre 2018
L'assessore regionale al Turismo Andrea Corsini e il governatore dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini

Emilia Romagna accoglie con cautela la scelta del governo sul comparto delle imprese balneari: "Sicuramente prorogare le concessioni è decisivo per le imprese, ma preferibile venga inserita all'interno di una legge"

L'emendamento presentato dal governo, che consente per i prossimi 15 anni di escludere l'applicazione della direttiva Bolkestein dal comparto delle imprese balneari, è accolto dalla Regione Emilia-Romagna con cautela. "Siamo moderatamente soddisfatti - spiega l'assessore regionale al Turismo Andrea Corsini - sicuramente prorogare le concessioni è decisivo per le imprese e le famiglie di chi vi lavora. Ma ritengo che farlo con un emendamento sia rischioso perché, se non concordato con l'Unione europea, può dare luogo a una procedura di infrazione". 

"Avremmo preferito che la proroga fosse inserita all'interno di una legge organica", aggiunge Corsini esprimendo la propria perplessità durante la presentazione dei bandi regionali in favore del settore turistico, strategico per l'Emilia Romagna

 

"Mi auguro che funzioni quello che hanno pensato, perché bisogna insistere: gli annunci non bastano, servono i risultati", è il parere del governatore Stefano Bonaccini riguardo all'emendamento alla Legge di Stabilità che prolunga le concessioni balneari fino al 2034, una decisione in contrasto con la direttiva europea Bolkestein, dunque a rischio di infrazione comunitaria.
"Noi siamo pronti a fare la nostra parte e abbiamo anche offerto al ministro Centinaio di utilizzare la legge della Liguria, una regione guidata da un colore diverso dal nostro", tende la mano Bonaccini, ricordando che l'emendamento andrà tradotto in legge entro 4 mesi. 

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it