Al Vidia di Cesena il “No Tears Big Rock Party” in memoria di Gianluca “Magnus” Magnani

Più informazioni su

Sabato 15 febbraio 2020 al Vidia club di Cesena andrà in scena il ‘No Tears Big Rock Party’, una grande festa, un momento di aggregazione sotto il segno della musica con un nutritissimo parterre di dj e il live dei Dang Dang, ma soprattutto sarà una serata di beneficenza in memoria di Gianluca ‘Magnus’ Magnani, storico dj romagnolo rock scomparso prematuramente il 13 febbraio 2017. L’ ingresso è a offerta libera, tutte le persone lavoreranno in forma gratuita ed il ricavato verrà devoluto alla figlia.

Questa serata sarà una notte speciale dove, per una volta, alcune delle più importanti realtà del clubbing romagnolo e non solo si riuniscono tutte assieme e si ritroveranno al Vidia Club, la casa di Magnus per decenni, per fare festa in suo nome. I nomi dei protagonisti sono tanti, dall’attivissimo gruppo di Portofranco, ai ragazzi di Retro Pop live e di Monogawa, i programmatori di Melody Box, il Loco Squad di Milano Marittima, lo staff del Bagno Peter Pan di Marina di Ravenna, Radio Icaro Rubicone e le autrici del libro ‘Universi Sonori’, uscito lo scorso anno e incentrato sulla storia della realtà musicale cesenate di cui Magnus è stato un primo attore.

Protagonisti della serata danzante saranno i dj che hanno fatto muovere migliaia di persone in tanti anni di clubbing in Romagna, da Dj Spino Esse ad Ale Franchini, passando per Piero Emme, Matteo Bocca, Marco Turci, Matteo ‘Cali’ Calisesi e Luigi Bertaccini, che si alterneranno in consolle e selezioneranno i dischi dopo il live di una delle più interessanti band post-punk e wave della ‘nuova onda romagnola’, i Dang Dang.

Magnus Vidia

“No tears” è il nome della serata, ovvero “Nessuna lacrima”, non solo perché era uno dei brani preferiti di Magnus (un grande classico dei Tuxedomoon), ma anche per celebrare la sua memoria senza nostalgie, facendo quello che lui amava di più, fare divertire le persone. Magnus è ricordato per essere stato in consolle in locali come il Velvet di Rimini o il Mexcall di Cesenatico, ma è soprattutto ricordato per aver scritto un capitolo della controcultura cesenate degli anni Novanta, dal Vidia Club, dove è stato dj resident dal 1990 al 1994 e dove tornava spesso a suonare in feste, raduni e concerti, alle frequenze di Radio Melody, la storica emittente cesenate di musica rock.

Ad aprire la serata dalle ore 22:00 dal palco del Vidia saranno i Dang Dang che si formano nel 2012 dall’incontro tra Matteo Castagnoli (The Chics, Ghost of Bell Star, Walls of Lymbo, 64 Slices of American Cheese) e Fabio Borroni (Akemi). Nel 2015 si uniscono Nicola “Rospo” Bustacchini (The Chics, SybiAnn) al basso e Lara Zambelli (SybiAnn) ai synth e alla voce. Nel 2016 arriva il primo disco autoprodotto You Should Be Happy. Nel 2017 la formazione si amplia con l’arrivo di Enrico “Enri” Zavalloni alle tastiere e alla batteria acustica. Dopo tre anni firma l’uscita di Bellaria, primo disco ufficiale della band prodotto da Atomic Studio Records.
I Dang Dang hanno aperto per artisti del calibro di Protomartyr, David Eugene Edwards ed Alexander Hacker. Nei nuovi pezzi della band l’uso massivo di synth e drum machine li porta talvolta in territori anche più dance oriented e i live diventano delle performance ipnotiche ed energiche che rievocano lo spettro della Madchester e della acid Factory dei tempi che fu. Il loro sound è un mix di classiche influenze new wave come Depeche Mode, Siouxsie & The Banshees, Bauhaus e Joy Division e suggestioni art pop alla Talking Heads e Television. LINE-UP Fabio Borroni: chitarre, basso, voce Nicola “Rospo” Bustacchini: basso Matteo Castagnoli: chitarre, drum machines, voce Lara Zambelli: synth, voce Enrico “Enri” Zavalloni: synth, batteria acustica.

Più informazioni su