AISM Ravenna lancia l’indagine per capire l’impatto dell’epidemia Covid-19 sulla vita di chi è affetto da SM

Più informazioni su

La sezione provinciale di AISM Ravenna lancia l’indagine per capire l’impatto dell’epidemia Covid-19 sulla vita e la salute delle persone con sclerosi multipla e delle loro famiglie e poter stare al loro fianco (www.aism.it/indaginecovid19). Anche la provincia di Ravenna è al centro dell’indagine AISM necessaria a comprendere come il coronavirus stia condizionando la vita e le cure delle persone con SM. In pochi giorni sono già arrivati migliaia di questionari compilati dalle persone con SM sul sito di AISM (www.aism.it/indaginecovid19) dall’intero territorio nazionale; consentiranno di leggere l’emergenza coronavirus tra le persone con SM in tutto il Paese, dando ad AISM una ancora maggiore capacità di poter intervenire a loro supporto.

Ma è necessario aggiungere informazioni e non lasciare dietro nessuna persona che in questo momento possa vivere situazioni di difficoltà e contribuire ad organizzare le migliori risposte, a livello nazionale e locale. L’indagine, che verrà sviluppata anche nel nostro territorio, e che fa seguito alle azioni di contatto già realizzate dalla Sezione verso le persone con Sclerosi multipla e i loro familiari, vuole rappresentare una finestra aperta sulla realtà, da cui partire per sviluppare ulteriormente le nostre risposte ed alimentare le iniziative di tutela e advocacy che con grande efficacia e velocità stiamo realizzando a livello nazionale, come quelle in tema di lavoro e maggiori tutele per le persone con gravi patologie, immunodepressione, disabilità.

“Per essere vicini alle persone con SM, abbiamo bisogno di conoscere in dettaglio l’impatto dell’epidemia di coronavirus sull’accesso alle cure, all’assistenza e in generale sulla condizione di vita e di salute. Sono informazioni essenziali per attivare risposte e poter dare forza e nuovi obiettivi anche alle nostre azioni di advocacy”, dichiara Cristina, presidente della sezione AISM di Ravenna. Sin da subito appena partita l’emergenza, abbiamo attivato i servizi indispensabili alle persone, ci siamo attivati per garantire i processi di consegna dei farmaci, sostenere e affiancare le persone per avere risposte essenziali di salute e assistenza nella quotidianità, e per superare situazioni di reale abbandono. Ma intendiamo fare di più. Invitiamo tutte le persone con SM che non fossero in contatto con noi a compilare il questionario permettendo così ad AISM di intervenire in modo mirato anche rispetto alle esigenze specifiche di ciascun territorio. Siamo a disposizione per rispondere a domande, dare informazioni, mettervi in contatto con i nostri esperti. Contattateci, ci siamo”.

Più informazioni su