Karima e Serena Brancale protagoniste nel ‘Groove Morning’ di Rimini

Più informazioni su

Il 29 settembre al Mamì Bistrot di Rivabella di Rimini arriva il “Groove Morning” con due eventi in programma: si parte alle 10,45 con la master-class tenuta da Alfredo Golino (batteria), Alessandro Altarocca (piano) e Marcello Sutera (basso). Il secondo evento scatterà dalle 21,30 con il concerto dei già citati musicisti chiamati a condividere il palco con Karima e Serena Brancale, splendide guest-star di una serata che si annuncia musicalmente travolgente.

La master-class (costo 50 euro) – basata sulla spiegazione del Groove e, soprattutto, sulla concentrazione del musicista sia nello studio di registrazione che nei live – si svolgerà al mattino (dalle 10.45 alle 12.30) e, dopo la pausa-pranzo al Mami, proseguirà nel pomeriggio (dalle 15 alle 18).

I protagonisti della serata

Alfredo Golino, vincitore di un Telegatto come miglior musicista e di due dischi d’Oro come Produttore ed arrangiatore e come artista, ha collaborato a tutti i dischi di Mina e ha all’attivo svariati premi, tra cui un Grammy Awards 2001 per la partecipazione al disco di Alejandro Sanz, interprete spagnolo con più di 10 milioni di dischi venduti.

Alessandro Altarocca – pianista jazz di valore assoluto, docente presso il centro A.M.R. di Ravenna (sede italiana dell’Europe Jazz Network), Associazione Music Line di Castel San Pietro e MusicAcademy 2000 di Bologna – ha collaborato con i maggiori artisti di musica leggera (Fausto Leali, Amy Stewart, Iva Zanicchi, Bruno Lauzi e Andrea Mingardi) ed ha lavorato per numerosi programmi Rai e Mediaset.

Marcello Sutera, bassista sopraffino sempre al fianco dei grandi interpreti della discografia internazionale (tra cui Dennis Chambers, Peter Erskine e Gary Novak) ha calcato i più importanti palcoscenici della musica d’autore, partecipando – come musicista e come produttore – a progetti di grande successo.

Karima Ammar, sbocciata davanti alle telecamere di Amici, è una delle voci italiane più apprezzate dalla critica. Dalla partecipazione al Festival di Sanremo ai suoi due Ep, viene considerata una delle artiste più talentuose della scena groove, tanto da meritarsi l’appellativo di “Whitney Houston italiana”.

Eclettica, virtuosa, con una presenza scenica di grande impatto ed una duttilità vocale piena di “negritudine”, Serena Brancale ha raccolto in questi anni grandi apprezzamenti da pubblico e critica, diventando una delle voci più affascinanti e poliedriche del panorama musicale italiano.

I posti per il concerto, nel rispetto dei protocolli anti-Covid, saranno contingentati e riservati ad un massimo di 80 spettatori.

Più informazioni su