Quantcast

L’associazione Terzo Mondo Onlus ricorda Emma Pezemo, brutalmente uccisa dal compagno

Più informazioni su

È con rammarico e grande tristezza che abbiamo appreso dai giornali la terribile notizia dell’omicidio – suicidio che sarebbe accaduto sabato scorso a Bologna.

Si tratterebbe di un piano diabolico premeditato dal fidanzato assassino, il quarantenne Jacques Honoré Ngouenet che dopo aver ucciso la sua fidanzata Emma Pezemo e fatto a pezzi il suo corpo, forse con un machete o una ascia, ha messo o i suoi resti nei sacchi neri per poi gettarli in un cassonetto. E poi, forse preso dai rimorsi, si sarebbe impiccato.

Entrambi di cittadinanza camerunense, Emma aveva 31 anni e studiava giurisprudenza. Mentre lui in Camerun pare facesse il militare.

Perdere la vita a soli 31 anni, soprattutto in queste circostanze, è scioccante, rivoltante oltre ad essere un dolore terribilmente soffocante. Un ennesimo femminicidio ai danni di una giovanissima donna piena di vita.

Il sottoscritto, l’associazione di volontariato Il Terzo Mondo ODV e tutta la comunità camerunense di Ravenna esprimono la propria vicinanza alla famiglia di Emma Pezemo, ai suoi amici e conoscenti nonché a tutta la comunità camerunense di Bologna.

Se pur col cuore a pezzi, estendiamo le nostre condoglianze anche nei confronti della famiglia, degli amici e dei conoscenti del killer, Jacques Honoré Ngouenet, poiché nonostante tutto, non possono rimanere anch’essi sconsolati in questa terrificante circostanza.

Che Dio accolga accanto a sé l’anima di Emma e abbia pietà di Jacques per il suo gesto spietato, affinché essi riposano in Pace.

Charles Tchameni Tchienga, Presidente Il Terzo Mondo ODV 

Più informazioni su