Quantcast

Le associazioni di RomagnaNotizie - La città che...

Ragone. Dissesto di Via Argine Sinistro Montone: lanciata una petizione popolare

Più informazioni su

Giuseppe Tadolini, presidente Comitato Cittadino di Ragone, è intervenuto attraverso lettera aperta in merito al dissesto di via Argine Sinistro Montone. “Come Comitato Cittadino di Ragone, comunichiamo il nostro appoggio alla petizione  popolare, lanciata da un folto gruppo di residenti della zona, in relazione al pessimo stato in cui versa la via Argine Sinistro Montone, al pari di numerose strade del forese. Esprimiamo la nostra preoccupazione perché la situazione rappresenta un quotidiano rischio  per l’incolumità delle persone e delle autovetture.

Anche se proprio in questi giorni si sta procedendo ad operazioni di manutenzione ordinaria con ricopertura delle numerosissime buche del manto stradale, dobbiamo ricordare che Via Argine Sinistro Montone sarà a breve destinata a ospitare un volume di traffico assai maggiore, nel periodo ( nel prossimo autunno, se le notizie in nostro possesso saranno confermate) in cui dovrà essere chiuso per lavori di rifacimento il ponte che unisce Ragone a San Pancrazio.

Argine Sinistro Montone è una strada che necessita di una riqualificazione complessiva, che per altro è stata indicata fra le priorità 2021 dal Consiglio Territoriale di Roncalceci. Il manto stradale deve essere ricostruito secondo criteri di migliore qualità, prevedendo anche adeguate vie di drenaggio, nei tratti in cui dalla sommità arginale l’acqua delle precipitazioni si riversa direttamente sulla strada (proprio in questi tratti  ci sono i danni peggiori). E finchè non si dà avvio a tale intervento, riteniamo che la più modesta  manutenzione ordinaria  di riparazione dei tratti ammalorati debba essere compiuta con una frequenza assai maggiore dell’attuale.

La petizione è depositata presso l’ Edicola Patrizia di San Pancrazio. Invitiamo le cittadine e i cittadini della zona e tutte/i coloro che sono interessate/i all’utilizzo di tale percorso, a sottoscrivere con le proprie firme”.

 

Più informazioni su