Quantcast

Sarà Alessandra Colozza a dirigere “Ortopedia e Traumatologia” all’ospedale di Faenza

Più informazioni su

Ai tanti pazienti che l’hanno conosciuta e di cui si è occupata non potrà che far piacere la nomina di Alessandra Colozza a direttore dell’Unità Operativa “Ortopedia e Traumatologia” dell’ospedale di Faenza.

“Sono ormai 16 anni che vivo e lavoro a Faenza, città che mi ha adottato – dice la dottoressa che conta quasi quattromila interventi in carriera – e questo passo avanti significa tanto per me, unitamente a nuove responsabilità, perché devo occuparmi anche di organizzazione e di gestione delle persone che collaborano con me. Sicuramente ora ho la possibilità di lavorare dove insorgono problematiche. Nell’Unità Operativa siamo una squadra che sa lavorare bene insieme: con me ci sono i dottori Taroni, Frontali, Perna, Cavaciocchi e Padovani, oltre a infermiere e infermieri che si spendono tantissimo per i nostri pazienti, ma voglio ricordare l’operato di anestesisti, fisiatri, fisioterapisti, radiologi e tecnici di radiologia. Tutti noi sentiamo l’appoggio che ci dà la direzione generale dell’Ausl della Romagna”.

A presentare ufficialmente la nuova primaria agli organi d’informazione sono stati Mattia Altini, direttore sanitario dell’Ausl Romagna e Davide Tellarini, direttore del Presidio Ospedaliero di Faenza, i quali si sono fatti per l’occasione portavoce del direttore generale dell’Azienda Tiziano Carradori, trattenuto da impegni urgenti.

Colozza - primaria ortopedia Faenza

“La nomina della dottoressa Colozza rappresenta la chiusura di un iter partito un anno fa – ha sottolineato Altini – con l’assegnazione di dirigenti professionali agli ospedali distrettuali come abbiamo a Faenza, Lugo e Riccione. All’insegna del ‘fare bene e fare in fretta’ abbiamo coperto 35 posizioni di Struttura Complessa che risultavano vacanti e proprio oggi in sede di Consiglio di Direzione provvederemo ad avviare la selezione di alti profili professionali al servizio della comunità. In questo quadro Alessandra Colozza rappresenta quanto di meglio si possa avere nell’ospedale di Faenza e nell’Ausl della Romagna”.

“Per Faenza sono stati banditi i concorsi per le Unità Operative di Rianimazione, Radiologia, Geriatria, Chirurgia e Oculistica – ha specificato Davide Tellarini -. Per la direzione di Ortopedia e Traumatologia il posto era vacante dall’inizio del 2020, poi a rallentare il programma è arrivata la pandemia. La nomina della dottoressa Colozza ha già portato entusiasmo all’interno dell’equipe che la conosceva da tempo”.

“Il reparto di Ortopedia e Traumatologia lavora naturalmente a pieno regime e non si è mai fermato, nemmeno nei mesi più pesanti della pandemia, quando ha dovuto supplire a quello lughese, dato che l’Umberto I era stato adattato interamente all’emergenza sanitaria. “Anche a Faenza abbiamo dovuto tenere conto delle risorse dedicate ai pazienti affetti dal Covid-19, ma con il calo dei contagi abbiamo recuperato il tempo perduto ed entro la fine dell’anno saranno smaltite le liste d’attesa – ha spiegato Alessandra Colozza -. Ovviamente per i traumi siamo sempre stati tempestivi”.

L’Unità Operativa può contare su cinque sale operatorie ed altre tre o quattro per le urgenze a settimana; vengono gestiti mediamente 1.200 utenti all’anno, numero che va riconfermandosi come tendenza per il 2021 in linea con il 2019.

Grande attenzione viene dedicata alle persone “fragili” come i bambini e gli anziani: per le fratture di questi ultimi la capacità di intervento è del cento per cento nell’arco di 48 ore. Nell’ospedale di Faenza Ortopedia e Traumatologia ha a disposizione 24 posti letto, più quelli coordinati con Neurochirurgia.

In arrivo nei prossimi mesi è annunciato lo “scorporo” del Pronto Soccorso ortopedico in ambienti più vicini a Radiologia; stesso discorso per l’ambulatorio, con il fine di ridurre le liste d’attesa.

La scheda di Alessandra Colozza

Già in organico dal 2006 nell’Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia dell’ospedale di Faenza, la dottoressa Alessandra Colozza, romana classe 1973, si è laureata all’Università “La Sapienza” di Roma nel 1997 ed ha conseguito nel 2002 la specializzazione in Ortopedia e Traumatologia, all’Università di Bologna (Istituti Ortopedici “Rizzoli”).

Nel 2018 ha inoltre conseguito la specializzazione in Chirurgia della mano e Microchirurgia. Ha iniziato la sua esperienza professionale nel 2002 all’Ospedale Santa Chiara di Trento con un incarico di dirigente medico presso l’Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia, con competenze di chirurgia artroscopia, traumatologia complessa, in particolare degli arti superiori e chirurgia del bacino.

Nel giugno 2006 è approdata in Romagna, attraverso concorso pubblico, ricoprendo l’incarico di dirigente medico all’interno dell’Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale di Faenza. In particolare le sue competenze all’interno dell’equipe chirurgica ortopedica si sono sviluppate sul trattamento della traumatologia complessa degli arti, sulla chirurgia protesica degli arti superiori (spalla, gomito, polso), sulla traumatologia pediatrica, sull’artroscopia, e sulla chirurgia della mano.

La dottoressa Colozza ha all’attivo 3.882 interventi come primo operatore, di cui circa 2.500 negli ultimi dieci anni.

Nell’aprile 2009 ha svolto un periodo di volontariato con un’associazione che opera in Tanzania per effettuare in loco interventi ricostruttivi agli arti superiori di pazienti pediatrici e nel 2020 come volontario in Etiopia al Sodado Hospital.

Ha all’attivo numerose pubblicazioni scientifiche e partecipazioni ai congressi in qualità di relatore, in particolare sulle tecniche chirurgiche per il trattamento delle patologie/traumi degli arti superiori.

Da settembre 2019 è membro del Mayo Elbow Club della Mayo Clinic Rochester negli USA; è membro del Comitato della Società Italiana di Chirurgia della spalla e del gomito.

Attualmente è vicepresidente del comitato Gomito SIAGACCOT, segretario OTODI regionale e membro del comitato Avambraccio e gomito ESSKA. Ha ricoperto un incarico di docenza con l’Università di Bologna nel master di Chirurgia Spalla e Gomito e svolto la funzione di tutor per gli specializzandi di Ortopedia con l’Università di Ferrara e Parma.

 

Più informazioni su