Quantcast

Le Cirque World’s Top Performers rimanda nuovamente gli show: slitta tutto a novembre 2022

Più informazioni su

Non sarà possibile portare in scena in tutta Italia i due spettacoli internazionali di circo contemporaneo ALIS e TILT, previsti dal prossimo novembre a gennaio 2022. Lo comunica la produzione di LE CIRQUE WTP. Le due tournée vengono quindi posticipate di un anno, nel 2022, sempre nello stesso periodo. Restano confermate le 16 città, mentre le date e le location verranno comunicate appena sarà definita la nuova programmazione.

La situazione, sia per quanto riguarda le restrizioni sanitarie in Italia nel settore dell’intrattenimento dal vivo, in particolare la riduzione delle capienze al 50% e sia per le regole che in molti Paesi complicano la possibilità di viaggiare all’estero, penalizzando un gran numero di artisti che compongono i due cast degli show, ha portato LE CIRQUE WTP a questa decisione.

“Abbiamo atteso invano, sempre fiduciosi e pazienti, un segnale forte e direttive chiare da parte del governo italiano per una riapertura ai grandi spettacoli dal vivo – dichiara Gianpiero Garelli, Fondatore e guida della compagnia – A due mesi da quello che doveva essere il debutto, non era più possibile aspettare oltre. ALIS e TILT hanno artisti provenienti da tutto il mondo, perché sono l’eccellenza assoluta del circo contemporaneo. Si tratta quindi di due grandi produzioni internazionali, con costi da sostenere molto elevati e se non c’è la garanzia che il pubblico possa assistervi in un numero sufficiente, non si può nemmeno parlare di rischio imprenditoriale, ma di perdita certa che si aggiungerebbe al pesantissimo saldo negativo di due anni di inattività a causa della pandemia. Senza dimenticare il grande rammarico e la profonda frustrazione di tutti i nostri artisti e collaboratori per non riuscire, da così tanto tempo, a tornare in scena, esibirsi, regalare emozioni. Purtroppo, tutto questo significa anche non poter lavorare.”

LE CIRQUE WTP ci tiene a sottolineare che ha sempre reagito dall’inizio della crisi sanitaria. I due tour degli spettacoli ALIS e TILT, che sono stati applauditi da oltre 220.000 spettatori fino ad inizio 2020, sono stati spostati per ben tre volte. Tutto ciò ha comportato un lavoro enorme per rimodellare le programmazioni, ridefinendo le date e cercando le soluzioni in collaborazione con i grandi teatri e arene, sempre rispettando i protocolli sanitari decisi di volta in volta dalle autorità.

“E’ stato complicatissimo ed estenuante – aggiunge Alessandro Garelli, cofondatore e Direttore Strategia Comunicazione e Marketing – Non ci siamo mai tirati indietro e non lo faremo nemmeno ora, perché l’obbiettivo è tornare a fare spettacolo e fare il nostro mestiere, che è anche una grande opportunità di lavoro per tante persone. Soprattutto, ringraziamo il pubblico per non avere mai smesso di seguirci sui nostri canali social, di incoraggiarci a non desistere con tante toccanti testimonianze, attendendo con pazienza di tornare ad assistere ai nostri spettacoli. Oggi però, chiediamo veramente a chi guida il Paese di trovare il tempo per rivolgere l’attenzione al nostro settore, quello dei grandi spettacoli dal vivo, perché siamo ormai vicini al punto di non ritorno e le conseguenze economiche, e non solo quelle, sarebbero ancora più pesanti.”

Per il Christmas Tour di ALIS si sta lavorando alle date e alle arene che accoglieranno lo spettacolo. Il periodo di programmazione delle repliche sarà da metà novembre 2022 a metà gennaio 2023. Le città che faranno parte della tournée italiana sono Bassano, Lucca, Ravenna, Conegliano, Rimini, Modena, Bari, Catania, Roma, alle quali si aggiungono due tappe europee a Bruxelles e Barcellona.

Per il Christmas Tour di TILT si andrà in scena nei grandi teatri italiani da fine novembre 2022 a gennaio 2023. Le città che faranno parte della tournée sono Grosseto, Torino, Genova, Padova, Trieste, Firenze e Milano.

Sito ufficiale www.lecirquewtp.it
Gli organizzatori ricordano a coloro che ne sono già in possesso, che i biglietti restano validi per le nuove date e per le medesime categorie.

Più informazioni su