Siccità. Approvato il Piano delle azioni urgenti: alla Provincia di Ravenna destinati 249mila euro per 4 interventi 

Più informazioni su

Dalle spese (1,8 milioni di euro) per le autobotti ai lavori (250mila euro), nel bolognese, sulla Canaletta del Canale Emiliano-Romagnolo per ridurre la pressione dei prelievi sul fiume Po. Dall’ottimizzazione delle sorgenti a Bobbio (300mila euro), nel piacentino, ai lavori (280mila euro) per mantenere e approfondire il canale di adduzione agli impianti idrovori sul Po di Boretto (Re). E ancora, i tre importanti cantieri in arrivo sulla centrale di Serravalle, a Riva del Po, nel ferrarese, per un totale di quasi 2 milioni e 400 mila euro.

Sono 80 gli interventi, tra opere urgenti sull’idropotabile e misure di assistenza alla popolazione, e progetti (alcuni già in atto, altri in partenza) per impianti di pompaggio, installazione di elettropompe, dragaggi e molto altro ancora, realizzabili con i primi 10,9 milioni di euro assegnati dal Governo all’Emilia-Romagna, in seguito al riconoscimento dello Stato di emergenza nazionale per la siccità.

Via libera, dunque, al decreto – a firma del presidente della Regione, in qualità di commissario per lo Stato d’emergenza nazionale – che approva il Piano degli interventi urgenti per contrastare la siccità in Emilia-Romagna. Le risorse nazionali consentiranno, come hanno chiarito il presidente e l’assessore regionale all’Ambiente, di realizzare una serie di priorità per far fronte agli effetti di questa calamità, che sta interessando l’intero territorio.

Lo Stato d’emergenza nazionale: le tappe, la stima dei fabbisogni

Il 29 giugno scorso, il presidente della Regione, dopo la dichiarazione dello Stato d’emergenza regionale, ha trasmesso al Governo e al Dipartimento nazionale della Protezione civile la richiesta dello Stato di emergenza nazionale, chiedendo in particolare risorse per interventi, anche a carattere non strutturale e di coordinamento sovra-regionale, con particolare riguardo alla criticità di deficit idrico del fiume Po.

Sono stati chiesti naturalmente aiuti anche per interventi strutturali, compatibili con le competenze del sistema nazionale della protezione civile per una fase di brevissimo e medio termine. La prima stima dei fabbisogni è stata di oltre 36 milioni di euro.

Sul totale della cifra, 11 milioni riguardano l’idropotabile, con le opere più urgenti e le misure di assistenza alla popolazione; altri 2 milioni e 700mila euro circa servono per l’irriguo e, per oltre 1 milione, fanno riferimento a progettualità già in atto o in partenza: impianti di pompaggio, installazione di elettropompe e dragaggi della sezione di presa degli impianti, per fare qualche esempio. Di questi 13,7 milioni, il Governo ne ha riconosciuti e assegnati 10,9.

Il Piano degli interventi urgenti

Lo scorso 4 luglio il Governo ha dichiarato lo Stato di emergenza nazionale per l’Emilia-Romagna, che si protrarrà fino al 31 dicembre 2022.

Nei giorni seguenti si è svolto quindi un importante lavoro di coordinamento tra Regione, Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, Atersir, gestori del servizio idrico integrato, Consorzi di bonifica e Anbi per la redazione del Piano degli interventi urgenti.

Lo schema predisposto, trasmesso a Roma e approvato dal presidente, prevede 1,9 milioni di euro di interventi per l’interconnessione di acquedotti, 1,8 milioni di euro di spese per autobotti, 1,6 milioni euro di interventi su fiumi e canali, 1 milione di euro per interventi di riorganizzazione delle prese di captazione superficiali, con particolare riguardo alle prese da Po; ancora, 1 milione e 250mila euro di interventi per il potenziamento della captazione da sorgenti, 2 milioni e 600mila euro per la sistemazione di captazioni da pozzi, 60mila euro di interventi su serbatori di accumulo.

Gli interventi per provincia in Romagna

Ravenna

In provincia di Ravenna sono previsti 4 interventi con un investimento complessivo di 249mila euro. La quota più consistente di risorse, per 200 mila euro, è destinata a realizzare nuovi pozzi di emergenza a Solarolo, Massa Lombarda e Castel Bolognese. Altri 20 mila euro andranno al Consorzio di Bonifica della Romagna per installare gruppi provvisionali di sollevamento necessari a causa della scarsità di apporti dal fiume Ronco, che determina l’impossibilità di derivare a gravità sul canale irriguo Molino di San Bartolo (20mila euro). Per la fornitura di acqua mediante autobotti nei comuni di Brisighella, Casola Valsenio e Riolo Terme – qualora fosse necessario – sono disponibili 10mila euro; altri 19mila 500 riguardano il sostentamento degli acquedotti pubblici di bonifica nella vallata del Lamone, tra Fornazzano e Palazza, in comune di Brisighella.

Forlì-Cesena

Sette sono gli interventi in arrivo nella provincia di Forlì-Cesena per un investimento di oltre 380mila euro. Il Consorzio di Bonifica della Romagna adeguerà il punto di presa dell’impianto di sollevamento di Monte Tiffi, in Comune di Sogliano al Rubicone (15mila euro) e il Consorzio della Romagna Occidentale installerà un’elettropompa in un serbatoio esistente a Ibola di Modigliana, curando l’interconnessione delle sorgenti (18mila euro).

A cura di Hera, invece, una serie di opere per l’efficienza delle interconnessioni attraverso interventi sulla rete lungo la Provinciale 103 in località Gorolo, nel comune di Borghi (130mila euro), la Provinciale 55 in via Acquacheta a San Benedetto in Alpe (55mila) e Spunga (70mila), entrambi in comune di Portico e San Benedetto.

Rispetto all’assistenza alla popolazione, invece, oltre 93 mila sono riservati all’attivazione delle autobotti – in caso di necessità – per rifornire gli acquedotti e i serbatoi dell’Appennino (50mila euro) e nella vallata del Marzeno, tra Modigliana, Tredozio, Brisighella.

Rimini

In provincia di Rimini sono finanziati 4 interventi per 390mila euro. Per assicurare l’acqua a fini idropotabili in vari comuni dell’Appennino sono stanziati 100mila euro: serviranno a finanziare i viaggi delle autobotti, nel caso in cui ve ne fosse la necessità, nelle aree montane comprese tra San Leo, Novafeltria, Sant’Agata Feltria e Talamello. Tra le opere anti-siccità, invece, rientrano: il potenziamento dei pozzi Secchiano/Campiano a Novafeltria (70mila euro); la nuova interconnessione tra sistemi idrici critici a Molino di Bascio, nel territorio di Pennabilli (100mila euro) e la realizzazione di un nuovo pozzo con la relativa condotta a Pietracuta di San Leo (120mila).

 

 

Più informazioni su