Operaio morto sul lavoro a Lugo, Fillea-Cgil: Ennesimo incidente, sicurezza preoccupante in edilizia

Più informazioni su

La Fillea, organizzazione di categoria degli edili della Cgil, delle province di Ravenna e Rimini esprime “il proprio più profondo cordoglio e si stringe attorno alla famiglia e ai colleghi lavoratori del titolare dell’azienda Eco Edil di Rimini, il lavoratore che oggi ha perso la vita per un tragico infortunio sul lavoro, avvenuto in una azienda di Lugo, mentre svolgeva  manutenzioni sul tetto. Si tratta dell’ennesimo infortunio mortale che denota come la situazione della sicurezza in edilizia sia preoccupante e segnala il degrado che stanno vivendo i nostri territori. Ancora nel 2019 gli aspetti relativi alla salute e sicurezza non sono affrontati in modo adeguato”.

“Dall’inizio dell’anno in Emilia Romagna nel settore delle costruzioni – commentano Davide Conti e Renzo Crociati, segretari generali delle due strutture sindacali di Ravenna e Rimini –  sono avvenuti 280 infortuni sul lavoro denunciati all’Inail e rispetto all’anno precedente aumentano gli infortuni che coinvolgono lavoratori edili con più di cinquant’anni. Solamente nei due comuni di Rimini e Ravenna negli ultimi due mesi sono avvenuti tre morti sul lavoro nel settore edile. Non basta più l’indignazione, dobbiamo passare a fatti concreti. Dobbiamo iniziare a parlare della proposta di legge sull’omicidio sul lavoro, proposta che è stata presentata ma che è rimasta ancora al punto di partenza. Non vogliamo aspettare il prossimo infortunio, per questo motivo nei prossimi giorni chiederemo la convocazione di un tavolo con tutti i soggetti istituzionali e non coinvolti sul tema sicurezza sul lavoro”.

Più informazioni su