La Giunta regionale assegna 1milione e 250mila euro all’Irst-Ircss di Meldola

Più informazioni su

Quattro strutture d’eccellenza, che si caratterizzano per l’attività di ricerca cosiddetta “traslazionale”. Quattro realtà, tutte in Emilia-Romagna, dove i risultati ottenuti dalla ricerca di base vengono trasformati in applicazioni cliniche, con un obiettivo preciso: migliorare e rafforzare prevenzione, diagnosi e terapia delle diverse patologie. È la rete regionale degli Ircss, Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, per i quali la Giunta guidata dal presidente Stefano Bonaccini ha approvato in questi giorni il riparto e l’assegnazione di 5 milioni di euro per il 2019.

“Confermiamo il nostro sostegno a queste strutture d’eccellenza,perché investire nella ricerca vuol dire aprire la medicina al futuro – sottolinea l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Sergio Venturi -. Non c’è progresso in una società se non c’è ricerca, e la ricerca ha valore nella misura in cui contribuisce al miglioramento della conoscenza dei percorsi di diagnosi, cura e recupero: questo è il ruolo, prezioso e insostituibile, svolto dai quattro Irccs dell’Emilia-Romagna”.

Per la “Ricerca Irccs” la Giunta regionale ha assegnato, dunque, 1 milione e 250mila euro a ciascuno degli enti che fanno parte della rete dell’Emilia-Romagna, e quindi all’Istituto Ortopedico Rizzoli (IOR) di Bologna, all’Istituto delle Scienze neurologiche (Azienda Usl di Bologna), all’Istituto in tecnologie avanzate e modelli assistenziali in oncologia (Azienda Usl di Reggio Emilia – Irccs) e all’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei tumori di Meldola (Fc), dell’Ausl della Romagna.

Più informazioni su