Quantcast

Terremoto nella notte e sciame sismico nel Mugello: scosse avvertite anche nel faentino

Più informazioni su

Sono state avvertite anche nel faentino, in particolare nei Comuni collinari di Brisighella, Casola Valsenio e Riolo Terme, le scosse di terremoto che da questa notte alle quattro e mezza hanno fatto tremare l’appennino tosco romagnolo.

La scossa più forte è stata registrata ad una profondità di 9 km, tra i Comuni di Scarperia e San Piero, provincia di Firenze, alle 4.37 della notte tra domenica e lunedì, con magnitudo 4,5. Ma il cosiddetto sciame sismico era cominciato già attorno alle 20.30 della sera di domenica ed è perdurato fino alle 9 circa di questa mattina, con scosse di lieve e media entità, comprese tra i 2 e i 4 Ml di magnitudo.

Le scuole della zona (tutti Comuni in provincia di Firenze, anche se al confine con la provincia di Ravenna) sono state chiuse in via precauzionale, non ci sono stati danni a persone e quelli agli immobili sembrano non particolarmente gravi, come riporta l’Ansa Toscana, che segnala la ripresa dalle 8.25 di questa mattina della circolazione dei treni sulla linea ad Alta velocità nei pressi del nodo di Firenze. Sarebbero  invece ancora in corso i controlli sulle linee regionali, che però dovrebbero riaprire a breve.

CIRCOLAZIONE FERROVIARIA IN RIPRESA

RFI comunica che è stato riattivato dalle 8.30, e sta tornando progressivamente alla normalità, il traffico ferroviario sulle linee AV Bologna – Firenze e Firenze – Roma direttissima e convenzionale. È ripresa gradualmente la circolazione anche sulle linee Pistoia – Porretta Terme, Firenze – Empoli, Bologna – Prato convenzionale e Prato – Pistoia.

L’ultima linea ancora sospesa è la Firenze – Borgo San Lorenzo, via Pontassieve, dove sono in fase avanzata le verifiche dello stato dell’infrastruttura da parte dei tecnici di RFI.

La circolazione era sospesa, in via precauzionale, dalle ore 4.35 per consentire ai tecnici di RFI la verifica dello stato dell’infrastruttura a causa di una scossa di terremoto che ha interessato la zona dell’area del Mugello.

Più informazioni su