A Ravenna nasce il movimento dei “Sardoni”, genitori ed anziani a sostegno delle sardine: il 6 gennaio primo flash mob

Più informazioni su

E dopo le “sardine”, scendono in campo i “Sardoni”, ossia i genitori e i nonni delle sardine. Si tratta di un movimento che nasce a Ravenna, il cui portavoce è il consigliere comunale della lista civica “Ama Ravenna” Daniele Perini, attivo da anni nel volontariato ed in particolare attento al tema degli anziani. Tutto è nato quando un nonno ravennate è andato a prendere la nipotina di 6 anni a scuola e lei, consegnandogli un disegno con una sardina stilizzata, gli ha detto:  io sono una sardina, perché non diventi un sardone?”.

Da qui l’idea, che ha già trovato in poche ore moltissimi nonni sostenitori, i quali hanno deciso di creare un movimento nazionale parallelo a quello delle “sardine”. Oggi i sardoni ravennati hanno diffuso un comunicato nel quale si afferma che
“noi Sardoni ci presentiamo da ora sulla scena della democrazia attiva come un caso paradossale di genitori e nonni adottati dai figli. Il loro esempio nelle piazze d’Italia ci ha rianimati. In una epoca di aumento dell’età media, questa conquista richiede una nuova funzione di responsabilità che la qualifichi come cittadinanza ancora attiva.
Il diritto al riposo dal lavoro non è in conflitto con il volere e potere contribuire al miglioramento del benessere della società.
Nelle piazze le sardine hanno detto e ridetto che la Politica, la sua nobiltà ed efficacia, ha bisogno di tutti, giovani e vecchi.
Noi Sardoni vogliamo arruolarci in questo movimento/esperimento e da oggi metteremo la nostra esperienza antica al servizio di nuove esperienze politiche, nel tentativo di migliorare il livello di civiltà e giustizia del nostro Paese.”

I sardoni hanno già fissato il loro primo flash mob: il 6 gennaio, giorno della Befana migliaia di Sardoni scenderanno in piazza a Ravenna accompagnati da altrettante migliaia di sardine.

Più informazioni su