Covid-19, Malpezzi: “A Faenza 3 nuovi casi: i numeri crescono di poco e non risultano nuovi focolai”

Più informazioni su

Sono 3 i nuovi casi di Coronavirus accertati alle 12.00 di lunedì 30 marzo a Faenza: un bambino di 11 anni, una ragazza di 26, entrambi in isolamento domiciliare e una donna di 89, ricoverata in Ospedale ma non in terapia intensiva. Tutti e 3 i casi sono riconducibili a casi già accertati, cioè venuti a contatto con persone già risultate positive. Il numero totale dei contagiati sale perciò a 90. Ricordo però che un certo numero di essi risulta a tutti gli effetti già guarita, avendo terminato il periodo di quarantena senza ulteriori sintomi e con tampone negativo.

“Come leggere il dato di oggi ? – scrive su Facebook il sindaco di Faenza Giovanni Malpezzi – I numeri crescono di poco e non risultano nuovi focolai di contagio: è indubbiamente il dato che fa più ben sperare. Confermo perciò quanto detto ieri: c’è da essere moderatamente ottimisti. A livello provinciale risultano 15 casi di nuovi positivi. Oltre ai 3 faentini, 8 a Ravenna, 2 a Bagnacavallo, 1 a Cervia e una persona proveniente da fuori provincia. Anche in questo caso si tratta dei dati migliori rispetto a quelli registarti nei giorni scorsi. In Regione si registra un aumento di positivi complessivo intorno al 3,1%, l’incremento più basso da molti giorni a questa parte. Il Commissario Venturi ha parlato di “deciso decremento” anche se ha aggiunto che è presto per dire che si tratta di un’inversione definitiva. Ovviamente è quello che speriamo tutti alla luce dei sacrifici che stiamo facendo.”

“In merito all’erogazione dei fondi stanziati dal Governo per gli acquisti di beni di prima necessità: oggi avete scritto o telefonato in molti per saperne di più. Abbiamo appena terminato una riunione ad hoc e presto verranno diffuse informazioni sulle modalità di erogazione dei buoni spesa alimentare. Vogliamo essere operativi in brevissimo tempo. Occorre però fare le cose per bene, che significa far arrivare gli aiuti a chi si trova in situazione di maggior difficoltà e operare con criteri di correttezza e trasparenza. Nei prossimi giorni saremo impegnati principalmente su questo fronte. Infine, ringrazio tutti voi cari faentini. Nonostante il week-end soleggiato e il cambio dell’ora che ci ha fatto sentire ancora di più la primavera, Faenza non ha allentato la presa, con un sostanziale rispetto delle prescrizioni e un uso del buon senso. La fatica si fa sentire ma non possiamo mollare. Avanti così!” conclude Giovanni Malpezzi.

Più informazioni su