Rimini: tentativo di furto si trasforma in rapina e aggressione

Più informazioni su

Alle 4 di questa mattina al 112 è arrivata la segnalazione che in via Rapallo un uomo era stato aggredito ed era a terra sanguinante. Appena arrivati sul posto i poliziotti hanno preso i contatti con la vittima, un 36enne tunisino a Rimini in vacanza, che si trovava a terra e riferiva di essere stato aggredito al costato, lato sinistro, con un collo di bottiglia. Una volta tranquillizzata la vittima, gli agenti si sono immediatamente prodigati anche nelle ricerche dell’aggressore, trovandolo poco distante.

Secondo quanto riferito alla Polizia dalla vittima, il 36enne, stava camminando sul marciapiede di Viale Regina Margherita in direzione Rimini, all’altezza di via Rapallo, quando aveva notato un gruppo di 3 persone transessuali: una volta superato il gruppetto, si era sentito abbracciato da dietro e si era accorto che uno di loro  gli stava sfilando una banconota da 50 Euro dalla tasca sinistra.

Per reazione al furto appena subito si sarebbe aggrappato ai capelli di una di loro, quella che gli risultava più vicina, mentre quella appena dietro, una 26enne peruviana, gli avrebbe sferrato due pugni al viso e una testata tramortendolo e facendogli mollare la presa.

Nel parapiglia all’autrice di quello che ormai era cessato di essere un furto e si era tramutato in rapina, sfuggivano di mano i soldi appena sottratti che la vittima riusciva però a recuperare. La trans che aveva sfilato i soldi al turista, vistasi scoperta si sarebbe data alla fuga facendo perdere le proprie tracce, mentre l’altra, quella che aveva sferrato i pugni, vedendo la strenua resistenza della vittima, avrebbe deciso di spaccare a terra una bottiglia di birra e con il collo di vetro frantumato, colpendo la vittima al costato.

Subito dopo averlo colpito ha tentato di fuggire ma è stata bloccata dall’immediato intervento dei poliziotti.

La 26enne peruviana, irregolare sul territorio italiano, è stata denunciata per rapina e lesioni e per inottemperanza all’ordine del Questore di lasciare il territorio italiano.

 

Più informazioni su