Quantcast

Risse e vandalismo a Cesena, UGL chiede che ‘Sindaco e prefetto si attivino immediatamente con misure a tutela dell’ordine pubblico”

Più informazioni su

“La situazione che s’è registrata da giorni nell’area della stazione ferroviaria di Cesena, che comprende il piazzale, il retro del complesso scolastico che dà su piazzale Karl Marx, il parcheggio di piazza Aldo Moro fino a viale Bovio e l’edificio che ospita una banca e studi professionali, nonché abitazioni private, non è più sopportabile. Le risse, le intimidazioni, le aggressioni , le minacce, i vandalismi e le scorrerie hanno generato un clima di terrore e di impotenza nei cittadini che deve essere risolto con un drastico intervento delle autorità pubbliche. A partire dal sindaco che ha il dovere di garantire la sicurezza della propria comunità” lancia l’allarme Filippo Lo Giudice, segretario dell’Ugl Romagna, che segnala come la stessa sede sindacale Ugl di Cesena sia nei pressi della stazione.

“Come sindacato abbiamo proposto in ogni sede di utilizzare le guardie giurate – prosegue Lo Giudice – e mettere in coordinamento la vigilanza privata con quella pubblica, abbiamo chiesto di implementare in uomini e mezzi il corpo della Polizia Municipale. La presenza delle forze dell’ordine è fondamentale per la tutela e la sicurezza dei cittadini. E in casi come quelli messi in atto a Cesena da giovani teppisti immigrati di seconda generazione di origine prevalentemente nordafricana, albanese e rumena è assolutamente necessario che si prendano provvedimenti. Minimizzare la situazione da parte dell’amministrazione comunale e dalle forze politiche di sinistra, che in materia di immigrazione e sicurezza hanno sempre anteposto formule ideologiche al pragmatismo, non aiuta. Servono fatti concreti e se sarà il caso anche straordinari”.

Contro questa escalation di terrore – molti giovani delle baby gang sono già noti alle forze dell’ordine – la società civile s’è attivata con esposti alla procura e raccolte firme.

“Ci sono stati accoltellamenti e risse con cocci di bottiglia. Ci sono stati feriti. Si aspetta forse il morto? Noi come sindacato faremo la nostra parte per sostenere i cittadini ed i lavoratori che pagano le tasse ed hanno diritto a vivere in piena sicurezza. Valuteremo la rilevanza amministrativa degli atti. Giunta comunale, sindaco e prefetto di Cesena devono intervenire immediatamente con provvedimenti consoni all’emergenza e a tutela di chi abita e lavora in quest’area teatro di violenze continue. Valuteremo se vi sarà o meno una reazione delle autorità. E procederemo di conseguenza, sempre e comunque dalla parte del popolo” conclude il segretario dell’Ugl Romagna, Filippo Lo Giudice.

Più informazioni su