Quantcast

Nuovo svincolo SS.16 Adriatica. Approvato studio di fattibilità della Variante in corrispondenza della Madonna del Pino a Cervia

Il progetto prevede anche un sottopasso ciclabile che metterà in sicurezza l’attraversamento della statale

Più informazioni su

Il Comune di Cervia ha inoltrato alla Regione Emilia-Romagna e ad Anas il Progetto per la realizzazione del nuovo svincolo sulla SS.16 Adriatica in corrispondenza della Madonna del Pino.

Delle dieci varianti di progetto, elaborate dallo studio di progettazione COGEST S.R.L., ANAS ha scelto quella che l’amministrazione aveva individuato come seconda, poiché consente il raggiungimento di una pluralità di obiettivi tra i quali quello di rendere il Santuario della Madonna del Pino fruibile dalla città, eliminando il tratto di una porzione di Statale 16 che fungeva da vero e proprio “limite” verso l’abitato.

L’opera che sarà interamente a carico di ANAS prevede un costo complessivo di 10.510.000,00 euro. Il progetto verrà inoltre integrato dalla realizzazione di un sottopasso richiesto dalla Giunta Comunale.

In seduta di illustrazione, delle ipotesi progettuali, la Giunta Comunale ha richiesto la realizzazione di un sottopasso ciclabile che metterà in sicurezza l’attraversamento della statale e permetterà in futuro la realizzazione di una ciclabile che possa collegare la zona Terme al comparto Saline. Per questa integrazione richiesta dalla Giunta, il Comune concorrerà alla spesa di 400.000,00 euro attraverso un contributo a favore di ANAS che realizzerà l’opera.

“Un ulteriore passo verso un progetto atteso da anni dalla città, per il quale dobbiamo ringraziare la Regione Emilia-Romagna nella figura dell’Assessore Andrea Corsini e l’ANAS, che ha ascoltato ed accolto le nostre richieste – ha dichiarato l’Assessore ai Lavori Pubblici Enrico Mazzolani –. Un’opera non solo che renderà più fruibile il Santuario, ma che metterà in sicurezza una zona critica e di accesso alla città. L’approvazione dello studio di fattibilità è un punto fondamentale verso la realizzazione, d’ora in poi tutto sarà gestito direttamente da ANAS, in quanto la SS.16 è di loro competenza, ma non per questo mancherà il costante e positivo confronto con Regione Emilia- Romagna ed ANAS.”

Più informazioni su