Quantcast

Scritte Novax contro l’ANPI di Conselice: “Faremo denuncia, non sarà difficile individuare gli autori”

Più informazioni su

L’ANPI di Conselice informa che nella notte del 12 gennaio sono stati perpetrati altri due atti vandalici Novax ai danni della comunità conselicese e dell’ANPI.

“Non si ferma davanti a nulla la propaganda eversiva del gruppo Novax che si fa chiamare VV, che ha attaccato l’ANPI accusandola di collaborazionismo con i nazisti”, commentano.

“Non devono aver mai studiato Storia – dichiara Paola Roccati presidente dell’ANPI di Conselice – se pensano davvero di usare i simboli e i martiri della lotta al nazifascismo contro la Repubblica dimostrano, non solo una profonda ignoranza della Storia e della Costituzione repubblicana, ma anche una buona dose di stupidità”.

vandali novax anpi conselice

“Dopo aver deturpato il ritratto di Enrichetta Cabassi, qualche settimana fa – aggiungono dall’ANPI – l’hanno oltraggiata nuovamente usandola per supportare la propaganda eversiva di estrema destra che si è palesata nell’attacco alla CGIL di Roma da parte dei leader di Forza Nuova”.

La condanna dell’ANPI non può che essere molto severa. “Provvederemo ad una denuncia contro ignoti – afferma Roccati – sperando che si possano identificare al più presto gli autori e siano severamente sanzionati, dopotutto la nostra è una piccola comunità e non sarà difficile individuarli”.

Il Consiglio direttivo di ANPI Conselice e la federazione ANPI Ravenna organizzeranno nei prossimi giorni iniziative volte ad informare la cittadinanza degli avvenimenti e si adopereranno affinché venga meno l’uso politico eversivo di quella che è la battaglia di tutto il mondo per sopravvivere ad una pandemia che da due anni sta mietendo vittime.

“La libertà, questa parola usata il più delle volte a sproposito, dovrebbe essere definita con più esattezza e spiegata bene. La liberta, infatti, esiste solo quando quella di ciascuno non lede quella altrui. – dichiara Roccati – e la Costituzione è stata scritta affinché ciò sia sempre vero.”

Più informazioni su