Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

eToro: la verità dietro la pubblicità

Sarà molto difficile trovare, tra le persone che interagiscono periodicamente con internet e con il mondo digitale, qualcuno che non abbia mai sentito parlare di eToro.

Il rinomato broker, ovvero una piattaforma che permette di fare trading online, infatti, sembra essersi dedicato anima e corpo ad una campagna pubblicitaria particolarmente pervasiva. Molti degli spot sono anche carini, indubbiamente progettati da menti competenti e attente agli ultimi trends del gusto della popolazione.

Vediamo ora insieme se eToro rappresenta l’ennesimo caso di fumo senza arrosto o se, invece, l’arrosto c’è ed è tanto succulento quanto afferma di essere.

Chi è eToro

eToro, lo sappiamo tutti ormai, è una piattaforma, disponibile anche come applicazione per tablet e smartphone, che permette di fare trading online senza pagare commissioni. Il simpatico spot dello stand di donuts recita “100% azioni, 0% commissioni”.

Il motivo per cui eToro è diventato particolarmente rinomato è la funzione di Social Trading: si tratta di uno strumento nato dall’implementazione di dinamiche social nel mondo del trading online. Grazie al Social Trading si possono copiare gli investimenti di un altro trader, in modo da registrare i medesimi profitti.

Con la funzione di Stop Loss, inoltre, eToro permette di impostare l’interruzione automatica del Copy Trading non appena si registrano perdite superiori all’importo che avete indicato. In tal modo riesce a garantire la sicurezza del portafogli degli utenti anche quando non stanno seguendo tutte le operazioni.

Il Social Trading non lo ha inventato eToro, ma la piattaforma ha iniziato ad usarlo a partire dal 2015. All’epoca rimaneva ancora all’ombra di concorrenti meglio piazzati e più agguerriti. La svolta arrivò nel 2017, grazie al “miracolo Bitcoin”. La crescita della criptovaluta portò sempre più persone a investire e ad usare eToro come piattaforma di trading proprio per il servizio particolarmente efficiente legato alle criptovalute.

eToro oggi: broker regolamentato

La sempre maggiore importanza riscontrata dal trading online nel corso degli anni ha portato sempre più utenti a registrarsi presso i broker, facendo emergere la necessità di attuare una opportuna regolamentazione del settore da parte delle autorità competenti.

Sul territorio europeo è attiva in generale l’ESMA (European Security and Markets Authority), alla quale si associano poi gli enti nazionali. Particolare importanza hanno la CySec di Cipro (l’isola ospita la sede legale di numerosi broker) e la Consob italiana.

eToro attualmente è certificato dalla CySec e autorizzato dall’ESMA ad operare in territorio europeo: la certificazione è il passo essenziale che ogni broker dovrà prima o poi fare per convincere le persone della propria buona fede.

Un broker regolamentato non solo fornirà ai clienti una garanzia sui loro depositi nel malaugurato caso di fallimento della piattaforma, oltre a fornire una serie di servizi fondamentali a fare trading con la massima serenità e preparazione possibile.

Recensioni su eToro: è davvero chi dice di essere?

Il miglior modo per capire, a questo punto, se eToro, al di là della facciata ufficiale, funziona realmente e fornisce tutto ciò che predica di fornire, è digitare sul motore di ricerca: etoro recensioni.

Noi lo abbiamo fatto e siamo giunti a estrapolare la verità dall’intera faccenda: non vi è alcuna recensione attendibile (ovvero fatta da utenti in carne ed ossa) che recrimina alcunché ad eToro!

La piattaforma funziona e, a quanto pare, funziona anche molto bene.

Allora perché, vi starete chiedendo, nonostante funzioni bene il 74% degli investimenti fatti su eToro continua a non registrare profitti?

eToro non c’entra: il broker mette a disposizione gli strumenti, ma solo tu puoi aggiungerci le capacità, le conoscenze e l’elaborazione delle informazioni che riesci ad ottenere. Uno dei principali torti che viene fatto al trading online è, all’inizio, di ritenerlo molto semplice, l’equivalente di un casinò, e poi dopo, quando si è scoperto che il caso non ha posto nel mondo della finanza, che è una truffa.

eToro non è una truffa: è un broker che funziona e lo fa bene, ma che non può prendersi la responsabilità del funzionamento dei suoi utenti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomagnaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.