Più informazioni su

I sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil di Forlì informano che dopo lunga trattativa, a seguito del chiaro mandato espresso attraverso referendum dai lavoratori ( 90% favorevoli), la RSU e le OO.SS di categoria hanno sottoscritto il nuovo contratto integrativo per i lavoratori del Gruppo Celanese. L’accordo avrà valenza 2019 /2022 e riguarda gli oltre 400 lavoratrici e lavoratori del Gruppo di cui più di 300 operano nel sito forlivese di via Mastro Giorgio, n 1.

Diversi gli aspetti ritenuti positivi dai sindacati, contenuti nell’accordo:
• aumento dei buoni pasto, che nell’arco della durata contrattuale passeranno da 5.29 a 7 euro giornalieri con un incremento annuo, a regime, di circa 376 euro all’anno;
• aumento della retribuzione sulla media turno che passa dal 14/%,revisti dal CCNL, al 15%;
• aumento del montante annuo sul premio variabile che passa dai 1600,00 euro annui ai 1800,00 euro (al 100% degli obbiettivi raggiunti), con un potenziale incremento a 2340,00 euro, se gli stessi vengono superati.
• Nel caso il lavoratore o lavoratrice sceglierà di versale il proprio premio nel fondo di previdenza complementare, la cifra raggiunta verrà incrementata da parte azienedale di un ulteriore 15%.

“Sono state inoltre riviste e incrementate le quote economiche legate alla turnazione – spiegano i sindacati -, alla reperibilità, alla flessibilità di rientro al lavoro. Sono inoltre stati inseriti miglioramenti relativi ai congedi parentali utilizzabili adesso anche a ore; viene riconosciuta la possibilità di cedere le proprie ferie per solidarietà fra lavoratori; viene ribadito la disponibilità a percorsi di stabilizzazione dei lavoratori somministrati e/o a tempo determinato riconoscendo il lavoro stabile quale elemento di di qualità. La sottoscrizione dell’accordo integrativo, atto seguente la firma di un protocollo sulle relazioni sindacali, completa un percorso teso a valorizzare i siti italiani del Gruppo Celanese Corporation, leader globale tecnologico nella produzione di sostanze chimiche e tecnopolimeri speciali”.

Più informazioni su