Confagricoltura Ravenna: il 2019 anno da dimenticare. Al via la raccolta firme per la revisione della direttiva Ue sugli Ogm

Più informazioni su

“L’agricoltura ravennate ha chiuso un anno da dimenticare, abbiamo bisogno di tutelare i nostri agricoltori e migliorare le varietà da coltivare, adattandole al territorio e ai cambiamenti climatici: non possiamo permetterci di rinunciare al progresso scientifico – osservano Andrea Betti, presidente di Confagricoltura Ravenna e Giancarlo Bubani, presidente provinciale dell’Impresa familiare (Fiiaf) all’evento “Dai falsi miti alle nuove tecniche di miglioramento genetico”, organizzato dall’Impresa familiare di Confagricoltura Ravenna sulla ricerca scientifica in agricoltura. A tal proposito, Confagricoltura Ravenna aderisce all’iniziativa europea di raccolta firme per la revisione della Direttiva UE 2001/18 sugli Ogm, facendosi promotrice di una intensa attività di coinvolgimento dell’opinione pubblica a livello locale, affinché queste nuove tecniche di miglioramento genetico siano escluse dal campo di applicazione della normativa Ue, dando così il via libera alla loro sperimentazione in campo”.

Favorire la lotta alla calamità numero uno, la cimice asiatica, e a malattie fungine come la peronospora e l’oidio, ma anche ridurre il fabbisogno idrico delle piante e lo stress vegetativo da eccesso di sale nel terreno. Si può addirittura limitare l’intolleranza al glutine nel frumento duro oppure ottenere una varietà di soia ad alto tasso oleico e persino una di riso resistente al brusone. Non solo, la scienza sta lavorando anche sulla fotosintesi clorofilliana per aumentare la produttività delle colture.

“Sono tutte scoperte rese possibili da innovazioni varietali scientifiche, che però rischiano di rimanere chiuse in laboratorio se non si colma il vuoto normativo che tuttora blocca l’applicazione delle nuove tecniche di miglioramento genetico (New breeding techniques – Nbts) in Italia ed Europa”, ha detto Deborah Piovan, portavoce per Confagricoltura del progetto ‘Cibo per la mente’ – un manifesto condiviso da 14 associazioni di categoria, che sostiene gli investimenti in innovazione e ricerca nell’ambito agroalimentare -, nel suo intervento a una platea di oltre 200 agricoltori più i rappresentanti del mondo dell’impresa e delle istituzioni locali, alla presenza di Carlo Lasagna, presidente nazionale dell’Impresa agricola familiare – Fiiaf, insieme alla vicepresidente Danila Massaroli e a Luca Ginestrini, direttore dell’area organizzativa nazionale di Confagricoltura.

“La ricerca deve essere inserita in un processo sociale e interattivo, per farne conoscere le reali potenzialità al fine di produrre di più e meglio, seppur con minor disponibilità di terreno e in un contesto sempre più difficile. Occorre migliorare la sostenibilità ambientale ed economica delle produzioni e produrre impattando sempre meno sull’ambiente. I terreni – ha concluso Piovan – dovranno essere utilizzati nel modo più efficiente, riducendo gli sprechi e ottimizzando l’impiego di fitofarmaci anche attraverso l’adozione della moderna agricoltura digitalizzata”.

Più informazioni su