Ecco come sono ripartiti a Ravenna i 400 milioni stanziati dal Governo per l’emergenza alimentare

Più informazioni su

Come saranno ripartiti i 400 milioni stanziati dal Governo per l’emergenza alimentare per i più bisognosi, gestiti dai servizi sociali dei Comuni? Ecco la stima. Quindici milioni a Roma, 7,6 a Napoli, 7,2 a Milano, 5,1 milioni a Palermo, 4,6 a Torino, 3 milioni a Genova. A Ravenna comune toccheranno poco più di 800.000 euro. Oltre 300.000 mila a Faenza, poco più di 170.000 a Lugo e di 150.000 a Cervia. I sindaci potranno fronteggiare l’emergenza Coronavirus distribuendo buoni spesa o generi alimentari e di prima necessità a chi ne abbia bisogno. L’ordinanza firmata dal capo della protezione civile Angelo Borrelli riequilibra i fondi anche in base al reddito medio dei residenti e non dimentica i centri con poche decine di abitanti. Su base regionale è la Lombardia a ricevere la quota maggiore di risorse, 55 milioni; alla Campania vanno 50 milioni; alla Sicilia 43,4 mln; al Lazio 36 mln; alla Puglia 33,1 mln; al Veneto 27,4 mln; all’Emilia Romagna 24,2 mln; al Piemonte 24 mln; alla Toscana 21,4 mln.

Ma ecco la distribuzione nella nostra provincia, comune per comune.

  • Alfonsine: 63.290 euro
  • Bagnacavallo: 88.610
  • Bagnara di Romagna: 12.882
  • Brisighella: 43.295
  • Casola Valsenio: 14.412
  • Castel Bolognese 50.889
  • Cervia 152.785
  • Conselice 55.950
  • Cotignola 39.099
  • Faenza 311.493
  • Fusignano 45.837
  • Lugo 171.150
  • Massa Lombarda 60.508
  • Ravenna 832.519
  • Riolo Terme 31.157
  • Russi 65.241
  • Sant’Agata sul Santerno 15.528
  • Solarolo 25.502

Più informazioni su