Il negozio “In Bici” di Rimini inserito nell’albo delle botteghe storiche del comune

Più informazioni su

Il centro storico di Rimini si è arricchito di una “nuova” bottega storica. Dopo l’ufficialità dell’iscrizione nell’Albo delle Botteghe Storiche del Comune di Rimini, il presidente di Confcommercio provinciale, Gianni Indino, ha consegnato a Pietro Mariotti del negozio In Bici di via Bertola la speciale targa realizzata dall’Associazione, che inserisce questa storica attività di vendita e riparazione biciclette nel progetto di valorizzazione “Itinerari Botteghe Storiche – Custodi di Identità e Tradizioni”.

Il progetto ha come obiettivo quello di combattere l’omologazione urbana e commerciale che sta caratterizzando le città di tutto il mondo, aggredite da un processo di standardizzazione che sta minando alle fondamenta le nostre radici culturali e sociali, valorizzando le attività storiche e mettendole in rete. La tradizione deve oggi andare di pari passo con le nuove tecnologie, così  grazie al QRcode impresso sulla targa, si potrà navigare nella storia della bottega con schede e fotografie evocative, ma anche “andare per botteghe” seguendo sulla mappa gli itinerari tematici di gusto, intrattenimento, empori, stile e caffè.

“Per questo sono molto contento – dice il presidente Indino – che In Bici, storico laboratorio e bottega delle biciclette dove sono passate generazioni di riminesi e altrettante ne passeranno, faccia parte di questo nostro progetto che vuole fare diventare patrimonio di tutti i cittadini e di tutti i turisti la loro esperienza unica e caratteristica. La passione che contraddistingue Pietro Mariotti nel portare avanti e tramandare questo mestiere ci fa capire una volta di più che essere imprenditore significa mettere in gioco ogni giorno il proprio impegno e la propria professionalità”.

“Per tanti anni, fin da ragazzino, sono stato un cliente di In Bici – racconta il titolare Pietro Mariotti -. Facevo parte del Pedale Riminese e quando i fratelli Bissoni che lo avevano aperto nel dopoguerra sono andati in pensione, ho deciso di metterci tutta la mia passione e rilevare l’attività. Per me è una grande soddisfazione ricevere questo riconoscimento per il mio lavoro, che è antico, ma allo stesso tempo moderno. La bicicletta è il mezzo di trasporto del futuro”.

Più informazioni su