CNA Castel Bolognese. Eletti i nuovi organismi direttivi, confermato Mario Zauli presidente

Più informazioni su

Si è svolta la scorsa settimana l’Assemblea Elettiva della CNA di Castel Bolognese, durante la quale sono stati eletti Presidente, Vicepresidente e Presidenza dell’istanza del territorio. A Castel Bolognese CNA associa ed eroga servizi ad oltre 100 imprese ed ha una propria sede aperta tutti i giorni, punto di riferimento per le aziende del territorio.

La situazione economica del Comune di Castel Bolognese nel 2020, stando ad uno studio Unioncamere, ha visto una significativa battuta d’arresto con un calo del -7,8% del valore aggiunto, comunque inferiore alla media regionale del -9,2%, mentre per il 2021 si prevede un rimbalzo del +5,3% che permetterà solo in parte di recuperare il valore perso.

Alla serata ha partecipato anche il Sindaco Luca Della Godenza che ha aggiornato la platea d’imprenditori sulla situazione dei vaccini ma soprattutto sulle tante opere ed azioni che l’Amministrazione ha in programma per il 2021. Tra queste spiccano il rilancio del Centro Storico, interventi sulle ciclovie, la manutenzione delle scuole, il nuovo piano urbanistico ed iter autorizzativi della circonvallazione, con un utile aggiornamento anche in merito al casello A14.

Durante il congresso è stato eletto Presidente della CNA di Castel Bolognese Mario Zauli, Vicepresidente Graziano Fabbri, insieme alla presidenza, composta da Katia Ponzi e Monica Donatini, oltre a Zauli e Fabbri. Il neo Presidente Mario Zauli ha sottolineato la complessità del momento che stanno affrontando le imprese, in particolare per la difficoltà di alcuni settori rispetto alla liquidità ed alle chiusure prolungate.

Il presidente e tutti gli imprenditori intervenuti al dibattito hanno sottolineato come siano fondamentali le opere pubbliche attese da anni in campo logistico, primo fra tutti con il nuovo casello A14 che quando partirà potrà certamente incentivare l’arrivo di nuove imprese. Servirà però farsi trovare pronti: prevendendo la possibilità nel nuovo Piano Urbanistico di costruire nuovi insediamenti produttivi e cercare di agevolare le aziende nelle pratiche burocratiche.

Più informazioni su