Lista civica “Faenza Cresce” presenta giovane squadra a sostegno di Massimo Isola candidato per il centrosinistra

Più informazioni su

Potrebbe essere la lista di candidati consiglieri comunali più giovane tra quelle civiche e quelle dei partiti nella contesa elettorale che vedrà i faentini alle urne domenica 20 e lunedì 21 settembre per eleggere il sindaco e rinnovare il Consiglio comunale, oltre a pronunciarsi per il referendum consultivo nazionale sulla riduzione dei parlamentari.

“Faenza Cresce” è di per sé una creatura di nascita recente, scaturita dall’esperienza pluridecennale de “La Tua Faenza”, lista civica di area moderata nata nell’ambito del centrodestra e riposizionatasi nel 2015 a sostegno della candidatura a sindaco di Giovanni Malpezzi, e di “Faenza 40 20”, associazione sorta nel novembre 2018 come “luogo e tempo di incontro, ascolto ed elaborazione; un’associazione aperta a tutti, di confronto fra idee e di dialogo fra generazioni, che organizza, sostiene e promuove iniziative sociali e culturali”.

“Per tutti noi è importante fare sapere che sia ‘La Tua Faenza’ sia ‘Faenza 40 20’ continueranno i rispettivi percorsi come libere associazioni in posizioni assolutamente ‘terze’ rispetto a questa esperienza elettorale – sottolinea Andrea Luccaroni, assessore uscente per “La Tua Faenza”, la cui carriera politica cittadina aveva preso il via nel 2010 all’interno della lista civica “Faenza che vuoi” posizionata a sinistra ma autonoma dalla coalizione a guida Pd -. ‘Faenza Cresce’ fa proposte concrete per la coalizione in cui sta per entrare a sostegno di Massimo Isola. Il nostro intento è che la prossima Amministrazione comunale sia vicina ai cittadini, in maniera ‘digitale’ ma anche con la vicinanza: dovrà apportare dei cambiamenti, senza cercare rivoluzioni”.

Luca Cavallari e Davide Agresti, entrambi di “estrazione faenzaquarantaventi”, sono rispettivamente presidente e portavoce di “Faenza Cresce” e saranno candidati consiglieri comunali con Federico Zauli (29 anni, imprenditore), Marco Villa (40, docente all’Istituto tecnico statale “Alfredo Oriani” di Faenza) e lo stesso Luccaroni. “La lista dei candidati è a buon punto – precisa Agresti -; non è un problema completarla perché sono diverse le persone desiderose di mettersi in gioco per la città di Faenza”.

“Intergenerazionale, innovativa, concreta”: così si presenta la nuova lista civica moderata nell’ambito del centrosinistra faentino, un po’ a “rimpiazzare” la lista “Insieme per Cambiare” che nel novembre 2019 è passata all’opposizione e da una settimana con il suo capogruppo consiliare, presidente e candidato sindaco Paolo Cavina si è posta alla testa del centrodestra e delle civiche collegate.

“Ci presentiamo auspicando di ottenere il più vasto consenso possibile, senza metterci a fare previsioni o sondaggi – afferma Luca Cavallari -. E’ plausibile che i voti moderati confluiscano su ‘Faenza Cresce’, perché ormai, col passaggio al centrodestra, ‘Insieme per Cambiare di moderato non ha più niente”.

“Alla fine sarà una competizione tra centrosinistra e destra – aggiunge Agresti -. Nella coalizione che sostiene Cavina la presenza della Lega e di Fratelli d’Italia delude le componenti centriste, che non trovano risposte”.

Da “Faenza Cresce” la parola “veto” non viene pronunciata, ma permane una fortissima perplessità sull’eventuale presenza nella coalizione del MoVimento 5 Stelle che, ancora a questo momento, non ha avuto il via libera dal capo politico senatore Vito Crimi.

“Anche noi siamo in attesa di capire cosa vogliono fare i pentastellati – chiarisce Davide Agresti -: se vorranno essere parte del centrosinistra faentino lo faranno sapere a Massimo Isola, poi vedremo. Negli ultimi dieci anni il M5s si è sempre posto fortemente all’opposizione delle due giunte di Giovanni Malpezzi, il quale ha aperto una fase nuova nell’amministrazione di questa città. Noi siamo civici, alcuni sono cattolici altri no, e non assumiamo posizioni ideologiche, pensiamo a Faenza e proponiamo idee per il prossimo futuro. Dai pentastellati, per esempio, abbiamo visto un pesante attacco nazionale alle scuole paritarie che noi invece riteniamo un’importante risorsa: e ci pare che anche in ambito locale la posizione sia la stessa. E’ chiaro che se il MoVimento 5 Stelle si avvicina al centrosinistra con posizioni non ideologiche e proposte concrete per l’amministrazione della città, ‘Faenza Cresce’ può essere un’interlocutrice”.

La nuova lista civica vuole essere la casa “per tutti faentini che non si riconoscono negli estremismi, ma anzi cercano una proposta politica realmente moderata, convintamente europeista”. In linea con il suo nome, si pone come obiettivo “una crescita integrale della città, che promuova alleanze con il mondo dell’agricoltura, del turismo, della valorizzazione del patrimonio sia storico, sia verde – si legge in una nota -. Proponiamo la promozione e la formazione di una cabina di regia che si occupi di marketing territoriale, semplificazione, attività di ‘scouting aziendale’, connessione logica e digitale”.

Tra le proposte avanzate da “Faenza Cresce” al candidato sindaco Isola c’è “il censimento degli immobili sfitti e una cooperazione tra pubblico e privato per rilanciarli. L’amministrazione comunale dovrà essere mediatore e coordinatore dell’incontro tra domanda e offerta”. Inoltre va evidenziata la proposta di riportare a Faenza un ufficio della Camera di Commercio.

Anche per “Faenza Cresce” c’è un appuntamento importante, a 48 giorni dal voto ed a 18 dal deposito della lista dei candidati con le firme a sostegno all’Ufficio elettorale: domenica prossima 2 agosto alle 20.30 nel Parco Liverani di Via Calamelli verrà aperta ufficialmente la campagna elettorale del centrosinistra con Massimo Isola candidato sindaco; accanto a lui ci sarà, fra gli altri, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. Potrebbe essere la volta buona in cui l’attuale vicesindaco riesce a presentare l’assetto definitivo della squadra di partiti e di liste civiche che lo sostengono.

Rodolfo Cacciari

Più informazioni su