Ravenna. Nuova SS 67 Ravegnana, vicesindaco Fusignani: “Ipotesi progettuali accolte con grande interesse”

Più informazioni su

Il vicesindaco di Ravenna, Eugenio Fusignani, è intervenuto in merito alle ipotesi progettuali concernenti la nuova SS 67 Ravegnana. Di seguito la nota stampa del vicesindaco:

“La notizia delle tre ipotesi progettuali per la nuova ss 67  Ravegnana va salutata con grande interesse. Infatti, in un sistema che prevede sempre più l’intermodalità, e soprattutto in prospettiva di sviluppo del nostro porto, dall’approfondimdnto dei fondali alle nuove aree della logistica, si prevede un impulso importante soprattutto al bacino romagnolo. Per questo risulta fondamentale un collegamento rotabile più agevole tra il nostro Scalo portuale e l’aeroporto di Forlì. Anche perché la sfida dello sviluppo si gioca sulla capacità di un sistema che sappia garantire collegamenti idonei per facilitare gli scambi delle merci ma e delle persone. Come richiamavo qualche giorno fa la favorevole congiuntura che vede al governo una Ministro dei Lavori Pubblici nostra corregionale e l’assessorato regionale alle Infrastrutture ricoperto autorevolmente da un nostro concittadino, non può essere lasciata cadere.

Queste prime tre ipotesi di Anas credo rappresentino un indicatore preciso e importante in questo senso. Ovviamente adeguati collegamenti con Forlì non possono supplire a un collegamento strategico che agganci sistema Ravenna col nord Europa. Quindi non possiamo abbassare la guardia su un’infrastruttura che riprenda l’agenda della E55. In questi anni l’amministrazione con i suoi oltre 150 milioni di investimenti in opere pubbliche è il nostro porto con lavori per 250 milioni di euro rappresentano un momento strategico per le prospettive economiche del paese. Per questo dobbiamo mettere in pista tutto quanto è possibile per supportare l’azione della Regione in materia di infrastrutture garantendo tutto l’appoggio all’assessore regionale Andrea Corsini. Sui temi dello sviluppo e delle Infrastrutture si giocherà anche la sfida per la nuova amministrazione che sarà scelta dai ravennati nel 2021.

Un’amministrazione che dovrà avere al centro del suo programma proprio i temi infrastrutturali e quelli del sostegno alle imprese del territorio, con particolare attenzione alla tutela del settore Oil & gas e del nostro know-haw nella cantieristica offshore. Intanto mi pare di poter dire che siamo sulla buona strada anche se occorre continuare ad alzare l’asticella dell’agenda politica per garantire la competitività del “sistema Ravenna” nel sistema paese agganciato all’Europa nei traffici internazionali”.

Più informazioni su