Ancisi (LpRa): “Rifiuti vegetali stazionati in area cani ed isole ecologiche… in ferie”

Più informazioni su

Alvaro Ancisi (capogruppo di Lista per Ravenna) fa riferimento al comunicato stampa di Mauro Bertolino (Alleanza di Centro) che oggi ha denunciato “Amare sorprese per i frequentatori dell’area verde e sgambamento cani di via Vicoli”, riferendo che “A seguito del fortunale di inizio mese la recinzione dell’area di sgambamento cani ha subito danni a causa della caduta di rami da un albero adiacente che poi è stato abbattuto… Ad oggi la recinzione risulta ancora danneggiata e l’area di sgambamento quindi inutilizzabile, con grandi disagi per i proprietari di cani della zona. I resti dell’albero abbattuto giacciono ormai da più di una settimana nell’area verde e, come se l’area fosse divenuta una discarica, negli ultimi giorni sono state depositate altre ramaglie trasportate da mezzi attrezzati dalle vie limitrofe”.

“Avendo interpellato al riguardo l’amministratore delegato di Azimut spa, gestore delle aree verdi comunali di Ravenna, – informa Ancisi – ho ricevuto risposta che “Per ciò che riguarda l’area sgambamento cani di via Vicoli, la rimozione dell’albero abbattuto è in corso. L’alternarsi delle chiusure per ferie delle aree ecologiche di ritiro ha allungato i tempi di pulizia dell’area stessa. I due metri di recinzione danneggiata saranno ripristinati quanto prima”. Sollecitando che quanto sopra venga rapidamente a conclusione, devo tuttavia chiedere al dirigente del servizio Ambiente del Comune di rispondere ai seguenti interrogativi: cos’ha legittimato – supposto che sia stato autorizzato – l’abbattimento di un albero alla vista in buona salute; per quali ragioni le isole ecologiche per la raccolta differenziata possano andare in ferie, specialmente nel periodo più infelice per la permanenza dei rifiuti sui luoghi di produzione; come queste siano state organizzate, distribuite e comunicate ai cittadini del Comune di Ravenna; se l’amministrazione comunale ne sia stata consenziente ed eventualmente perché”.

 

Più informazioni su