Quantcast

Davide Ranalli: “Due popoli e due Stati” per Israele e la Palestina, è l’unica strada per battere i fondamentalismi in entrambi i campi

Più informazioni su

Le immagini provenienti dal Medio Oriente ci riempiono il cuore di preoccupazione e sgomento. Immagini che le istituzioni e la politica non possono ignorare. Per questo, come Radicalità per Ricostruire, insieme a Democrazia Esigente e a tanti altri amici e compagni, abbiamo voluto sottoscrivere un appello rivolto al Governo italiano e alle istituzioni europee per chiedere una tregua immediata e un’iniziativa diplomatica più forte.

In questa difficile situazione, servono innanzitutto l’invio di aiuti umanitari alle popolazioni colpite e il riconoscimento di pari dignità e sicurezza per israeliani e palestinesi. Se la cosiddetta soluzione dei “Due popoli e due Stati” ha finito col tempo per indebolirsi, favorendo il ruolo della destra radicale israeliana e dell’estremismo di Hamas, serve ribadire che solo restituendo certezza di uno Stato e autonomia a entrambi i popoli si ridurranno i fondamentalismi in entrambi i campi. Nella situazione attuale, infatti, le sofferenze dei cittadini palestinesi e l’espansione degli insediamenti di coloni hanno condotto all’esasperazione del clima e alimentato le ritorsioni terroristiche di frange arabe.

Non possiamo permettere che prevalgano interessi economici e rapporti di forza, perché a rimetterci non sarà solo un territorio, ma l’intero Medi Oriente e il mondo intero. Non possiamo voltarci dall’altra parte: l’Italia, che ha una sua funzione naturale di “ponte” sul Mediterraneo, deve tornare ad assolvere al compito di costruttrice di confronto e di pace.

Davide Ranalli – Radicalità per ricostruire Emilia-Romagna

 

 

Più informazioni su