Quantcast

Cervia. Approvato all’unanimità l’Ordine del Giorno sulla Sicurezza e Ordine Pubblico

Più informazioni su

I capi gruppo presenti in sede di conferenza (PD, Cervia Ti Amo, Cervia Domani-PRI e Lega Romagna) hanno presentato e firmato in originale un documento sulla sicurezza e ordine pubblico della città di Cervia. Approvato infatti nella seduta del consiglio comunale dell’8 giugno l’ordine del giorno “Sicurezza e Ordine Pubblico della Nostra Città”.
Visto il perdurare di alcuni preoccupanti episodi di inciviltà, che creano problematiche legate anche all’ordine e alla sicurezza pubblica e che forniscono un’immagine che non risponde alle attrattive turistiche che da sempre offre la città di Cervia, il consiglio sta al fianco delle istituzioni e delle attività economiche, del Sindaco, del Prefetto, del Questore e di tutte le Forze dell’Ordine, sostenendo e condividendo le iniziative messe in atto dall’Amministrazione Comunale di Cervia
quali: il Piano della Sicurezza Urbana, l’apertura del presidio di prossimità della Polizia Locale in centro a Milano Marittima, le ordinanze adottate ad oggetto: “Disposizioni urgenti per la regolamentazione della vendita e del consumo di bevande alcoliche e superalcoliche nel territorio comunale”.

Tra le iniziative troviamo anche le disposizioni urgenti sul decoro urbano nel territorio comunale – stagione turistica 2021, le disposizioni in merito all’utilizzo degli impianti elettroacustici e svolgimento di intrattenimenti musicali e manifestazioni temporanee nel Comune di Cervia, l’installazione di telecamere di sicurezza, il potenziamento di organico del corpo di Polizia Locale e la sua riorganizzazione e l’acquisto di una nuova postazione mobile della Polizia Locale.

Altre iniziative sostenute dal consiglio il patto dell’attuazione della sicurezza urbana siglato congiuntamente da Prefettura di Ravenna, Comune di Ravenna e Comune di Cervia; l’assunzione di 14 “Street tutor” a presidio del centro di Milano Marittima, l’invio di missive, per sottoporre all’attenzione degli organi competenti per materia, la difficile gestione della situazione che si è venuta a creare nella nostra località, dal punto di vista della sicurezza e della civile convivenza; le iniziative proposte dal Prefetto e quest’ultimo al Tavolo provinciale sull’ordine e la sicurezza pubblica.

I capi gruppo richiedono un forte intervento da parte dello stato centrale, in particolare dei Ministeri competenti – Ministero dell’Interno e Ministero del Turismo, affinché diano risposte concrete e immediate in termini di risorse straordinarie per il potenziamento di tutte le Forze dell’Ordine e sull’ apertura del presidio estivo della Polizia di Stato, nella località di Pinarella, e che questo avvenga in tempi brevissimi.

In sede di conferenza i capi gruppo hanno confermato la piena fiducia nelle Istituzioni Provinciali e Locali per il loro operato e la loro disponibilità a rappresentare, in tutte le sedi preposte, la difficile situazione che stiamo attraversando,
dal punto di vista degli strumenti messi in campo in materia di ordine e sicurezza pubblica. I capi gruppo esprimono anche un sincero ringraziamento a tutte le Forze dell’Ordine, civili e militari, che operano per la sicurezza del territorio e della tutela delle comunità; agli enti locali e provinciali fino che, ad oggi, hanno fatto la loro parte per trovare risorse e adottare procedimenti necessaria ad arginare questo fenomeno e a provare a dare risposte ai bisogni di rassicurazione della collettività.

I capi gruppo affermano che  le sinergie tra istituzioni, associazioni rappresentative del territorio e delle sue espressioni economiche, culturali e sociali – in campo a sostegno di buone prassi sulla sicurezza partecipata, rappresentano, in termini di sicurezza, un importante valore aggiunto per l’intera collettività. In sede di conferenza i capi gruppo chiedono infine che tutte le componenti assumano come impegno prioritario e straordinario sul tema di ordine e sicurezza pubblica come impegno per sostenere politiche tese a rassicurare i cittadini, turisti e le attività economiche.

Più informazioni su