Quantcast

ELEZIONI A RAVENNA –19 / Diario elettorale del 13 settembre: Dante e l’etica pubblica. Un Sindaco che è dove deve essere, 8 aspiranti che sono nel posto sbagliato

Più informazioni su

Oggi parliamo di Dante. Perché Dante è un simbolo importante per questa città e quella di ieri è stata una giornata fondamentale per Ravenna. Dante ci ha indicato il senso morale, la strada dell’etica personale e quella pubblica, non ultimo il senso dello stato e delle istituzioni. Perciò ci sono momenti nella vita di una città in cui, per queste ragioni, bisogna esserci, e non si possono mancare. La celebrazione della morte del Settimo Centenario di Dante è uno di questi. Ci siamo riempiti la bocca per anni e mesi e giorni di Dante, del suo lascito, della sua memoria, del suo alto insegnamento e valore culturale, del richiamo anche turistico che esercita per la città e poi nel giorno cruciale del 700° – quello che viene ogni 100 anni, con i rappresentanti di 60 città d’Italia, 25 gonfaloni e circa un migliaio di cittadini – ci sono otto o nove aspiranti Sindaco che vanno… a Camerlona?! No. Non ci siamo.

Quando abbiamo letto questa mattina la cronaca che quel dibattito surreale, organizzato in maniera assurda e improvvida da una polisportiva che evidentemente è fuori dalla realtà, a Camerlona, esattamente in concomitanza con le celebrazioni dantesche che si svolgevano nel cuore della città – che si tengono ogni anno ma queste sono le più importanti da 100 anni – non potevamo crederci. Lo hanno fatto davvero!?

Mentre la città era in piazza a celebrare Dante, mentre Lino Guanciale dal balcone della Provincia leggeva il canto di Ulisse e scandiva le celebri parole “fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza” in una ridotta di paese, un gruppo di aspiranti Sindaco si è messo a discutere di forese e di sport, pensando di fare la cosa giusta. In verità, qualcuno ha capito che si stava facendo un grave errore e gliene diamo atto. Parliamo di Alberto Ancarani, che a un certo punto, leggiamo dalle cronache, si è alzato, ha salutato e ha detto io vado a celebrare Dante. E gli altri? Gli altri no, sono rimasti lì.

Mancava Bertolino non invitato. E mancava il Sindaco. Perché il Sindaco in carica era in piazza a celebrare Dante. A fare semplicemente e degnamente il suo dovere. Lui era nel posto giusto. Quegli altri aspiranti Sindaco invece non c’erano. Erano da un’altra parte, nel posto sbagliato. Si parla tanto – spesso a sproposito – di voler bene a Ravenna, di dare valore e grandezza a Ravenna, di valorizzare le eccellenze della città, di fare sistema e chi più ne ha più ne metta. Ebbene, chi non era in piazza ieri per Dante ha perso un’occasione fondamentale per dimostrare il proprio attaccamento per questa città. Ce ne saranno altre cento di occasioni per dimostrare tutto l’amore che nutrono per Ravenna. Ma ieri intanto non l’hanno fatto. Hanno peccato gravemente di sensibilità e di senso delle istituzioni.

Del dibattito non diamo conto. Primo perché non c’eravamo. Noi eravamo in piazza con la città di Ravenna. Dove era giusto essere. Secondo, perché per noi è un fatto grave il dibattito in sé in quel contesto ed è irrilevante anzi surreale riportarne perfino il contenuto.

Dante 700 12 settembre 2021
Ravenna, Dante 700: le celebrazioni della mattinata
Ravenna, Dante 700: le celebrazioni della mattinata
Dante 700 12 settembre 2021
Dante 700 12 settembre 2021

Lollobrigida a Ravenna per Fratelli d’Italia

Nella giornata di oggi lunedì 13 settembre alle ore 11.00 presso la sede del comitato elettorale di Donati Sindaco, a Ravenna in Piazza Kennedy 1, è indetta una conferenza stampa dell’On Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera. Saranno presenti Galeazzo Bignami parlamentare di Fratelli d’Italia, Alberto Ferrero coordinatore provinciale del partito e capolista, Filippo Donati candidato Sindaco di Ravenna ed altri componenti della lista.

Gallonetto e Schiano (M5S): “Dante esempio di forza delle proprie idee, lo sentiamo vicino”

A 700 anni dalla scomparsa di Dante Alighieri, poeta, padre della lingua italiana, ma anche uomo politico impegnato nella sua Firenze ed in un’Italia divisa dalla faida tra Guelfi e Ghibellini, Igor Gallonetto e Giancarlo Schiano, candidati al Consiglio comunale per il MoVimento 5 Stelle, ne sottolineano a loro modo l’attualità. “Ispirazione di coerenzacommenta Igor Gallonetto, capolista del MoVimento 5 Stelledi resilienza e difesa della propria identità e dei propri temi.” Giancarlo Schiano, numero due della lista pentastellata, aggiunge: “La sua vita sembra lontana nel tempo ma oggi, la trovo più che mai attuale. Esiliato da Firenze, per le sue idee politiche, venne accolto nelle nostre terre da Guido da Polenta signore di Ravenna e vedendo una classe politica corrotta, vincere su principi e valori opposti, non si perse d’animo e decise di scrivere la divina commedia per indirizzare la gente verso la ” diritta via che era smarrita “. Continua Gallonetto: “Un uomo da cui trarre ancora oggi una profonda ispirazione ed insegnamento: mai abbandonare le proprie visioni, difendendo la propria identità, anche quando sarebbe più facile desistere”. Concludono i due pentastellati: “Ecco perché lo sentiamo così vicino al Movimento 5 Stelle; un MoVimento il nostro, che sulla via indicata dal Presidente Conte, continuerà a vigilare e a battersi per i diritti e la qualità della vita dei nostri cittadini”.

Incontro del PRI su “Lo sviluppo che vogliamo: energia, infrastrutture, innovazione, porto”

Lunedì 13 settembre, alle ore 17:30 presso il Caffè Corte Cavour di Ravenna il Pri organizza un incontro elettorale sul tema: Oggi e domani Ravenna. Lo sviluppo che vogliamo. Energia, infrastrutture, innovazione, porto”. Intervengono: Eugenio Fusignani (Vicesindaco di Ravenna, Capolista PRI); Franco Nanni (presidente ROCA); Riccardo Sabadini (presidente SAPIR); Carlo Sama (segretario generale UIL); Corrado De Rinaldis Saponaro (segretario nazionale PRI). Introduce: Giannantonio Mingozzi (Candidato PRI).

Santini (Potere al Popolo): “Nuovo anno scolastico, vecchi problemi”

“Con l’inizio del nuovo anno scolastico tornano a ripresentarsi vecchi problemi, ingigantiti da un’inerzia particolarmente grave e dal tentativo mediatico del ministro Bianchi di distogliere l’attenzione dai nodi irrisolti della scuola italiana. Sul fronte del precariato, le valutazioni sindacali indicano che le nuove assunzioni (stimate in circa 40.000) sono assolutamente insufficienti a coprire le cattedre vacanti. Tra l’altro, l’organico Covid, una nuova fantasiosa forma di precariato inventata dal Ministero, è garantito solo fino al 31 dicembre e unicamente per attività di recupero. Non è dato sapere se tali insegnanti potranno essere rinnovati nell’incarico dopo tale data. Non si parla più di edilizia scolastica e soprattutto di “classi pollaio” come fossero problematiche risolte. Così, tra mancanza di spazi adeguati a evitare situazioni di possibile contagio e difficoltà di controllo dei green pass, su molte scuole aleggia lo spettro della DAD. Più che rivolgere le nostre attenzioni al sindaco e al suo sistema di potere, vorremmo sollevare qualche dubbio agli elettori, soprattutto a quelli di sinistra, più o meno incerti, e fornire qualche esempio limitato ma significativo. Come mai il Comune da tempo immemore paga l’affitto alle suore in via Ghiselli per ospitare una scuola media (quante scuole si potevano costruire con quei soldi!)? Perché chi è a basso reddito non riceve direttamente e subito il bonus per l’acquisto di libri di testo? Perché gli educatori, figure fondamentali nel mondo della scuola, vengono trattati come lavoratori di serie B? Noi non abbiamo dimenticato il vergognoso tentativo da parte del Comune di non pagarli durante il lockdown con motivazioni assolutamente pretestuose.” Così Gianfranco Santini candidato sindaco per Potere al Popolo.

Gli altri candidati e le altre liste

Conferenza stampa del candidato sindaco Alessandro Bongarzone e della Lista Comunisti Uniti. Oggi 13 settembre alle ore 11.00, presso la sala Buzzi di Ravenna, si terrà la conferenza stampa del candidato sindaco Alessandro Bongarzone e della Lista Comunisti Uniti. Saranno presentati i candidati consiglieri e il programma politico che si trova anche su www.comunistiuniti.it

PAGINA SOGGETTA AD AGGIORNAMENTO

Più informazioni su