Quantcast

Frati e Cameliani (Pd) e Spadoni (LpRa): soddisfazione per la elezione di Bakkali e Ancisi

Più informazioni su

Nel corso della seduta del Consiglio comunale di ieri è stata eletta presidente del Consiglio comunale di Ravenna Ouidad Bakkali. “Il Partito Democratico esprime grande soddisfazione – ha detto il segretario comunale del PD Marco Frati – per l’elezione di Bakkali alla presidenza del Consiglio comunale. I nuovi consiglieri eletti l’hanno votata quasi all’unanimità, un voto che conferma anche il già rilevante risultato ottenuto in termini di preferenze raccolte alle urne. È anche importante che in un consiglio che vede una netta predominanza di uomini soprattutto tra i banchi dell’opposizione, la presidenza sia stata confermata a una donna. Bakkali avrà l’onere di raccogliere l’eredità dell’eccellente lavoro svolto da Livia Molducci nella passata consigliatura ma sono assolutamente sicuro che saprà svolgere al meglio il suo compito e onorare l’incarico ricevuto. Lo farà con il grande equilibrio e la competenza che la contraddistinguono anche grazie all’esperienza maturata come amministratrice del Comune di Ravenna negli ultimi dieci anni.”

“La scelta di Ouidad Bakkali – ha dichiarato il capogruppo Massimo Cameliani – è una scelta che noi condividiamo. Bakkali ha maturato una grande esperienza nell’amministrazione. Era stata scelta da Fabrizio Matteucci nella giunta in cui anch’io ero assessore e ha proseguito il suo impegno con de Pascale. Ha sviluppato un percorso importante ed è cresciuta nelle istituzioni. È stata molto attiva durante la pandemia per la gestione delle scuole dove ha mostrato capacità e lungimiranza nelle scelte assieme al sindaco e alla giunta. Le sue caratteristiche e la sua figura, come persona e per il suo curriculum, ben si attagliano al ruolo che deve rivestire il presidente del consiglio. Il regolamento dice che il presidente promuove l’esercizio delle funzioni proprie del Consiglio comunale, realizza con il sindaco il raccordo fra l’attività di indirizzo e di controllo politico e amministrativo e l’adozione degli atti fondamentali attribuiti dalle leggi del Consiglio. Questo ruolo deve essere svolto con imparzialità e capacità di rappresentanza e di raccordo nei confronti dei cittadini. Queste caratteristiche sono proprie di Bakkali, perciò è la persona giusta per adempiere a questo ruolo così importante nell’istituzione ravennate.”

“A nome personale e ritenendo di interpretare i sentimenti degli amici di Lista per Ravenna e delle liste civiche collegate che hanno sostenuto la candidatura di Alvaro Ancisi come candidato sindaco, esprimo i rallegramenti più autentici per la nomina della neo presidente del Consiglio comunale Ouidad Bakkali e dello stesso Alvaro Ancisi quale vicepresidente del Consesso elettivo ravennate, nella certezza che entrambi sapranno assicurare quella funzione istituzionale super partes. – così Gianfranco Spadoni di Lista per Ravenna – L’elevato numero di voti ottenuti dalla presidente ma anche dal decano consigliere capogruppo Ancisi testimoniano il giudizio scevro da preconcetti e da particolarismi sterili, che in particolare a quest’ultimo l’intero consiglio, quasi unanime, gli ha riconosciuto con una votazione così ampia. Un giudizio basato sulla forte competenza, sulla statura istituzionale e sulla serietà che hanno caratterizzato il neovicepresidente in questi cinquant’anni di lavoro assiduo e di indubbia qualità. Al di là delle specifiche posizioni politiche, rispettando la libertà di ogni consigliere nell’espressione del voto, la città ha effettivo bisogno di avere un organismo snello che produca lavoro, iniziative e provvedimenti in favore della comunità, e per questo il buon funzionamento del principale organo elettivo può essere assicurato dalle persone votate a larghissima maggioranza dal Consiglio comunale. Mi pare, insomma, di non cogliere alcuna spaccatura, ma una forte coesione sugli intenti: e questo è assolutamente positivo per il bene della città.”

Più informazioni su