Le associazioni di RomagnaNotizie - Scuola & Università

#RiminiCampusDay, la festa delle matricole nella cittadella universitaria

Più informazioni su

La festa di benvenuto alle matricole del Campus di Rimini dell’Ateneo di Bologna, #riminicampusday, si terrà il 10 ottobre 2019 dalle 17 alle 22,30. Un momento dedicato alla comunità degli studenti, un’occasione per stare insieme, conoscere la città ed incontrare persone nuove. L’iniziativa si svolgerà all’interno della cittadella universitaria, nell’ampio cortile del complesso Alberti.

Nel pomeriggio, come di consueto, per valorizzare e far conoscere la storia di Rimini, alle 17.00 sarà proposta una visita guidata della città, in lingua italiana e inglese, dal titolo “Gli splendori della Rimini romana e malatestiana” al termine della quale si tornerà all’interno del Complesso Alberti, dove avrà luogo un breve momento istituzionale di saluto, al quale prenderanno parte la Delegata all’orientamento e rapporti con il sistema scolastico, prof.ssa Alessandra Locatelli, il Presidente del Consiglio del Campus di Rimini, prof. Sergio Brasini, il Presidente dell’ente di sostegno Uni.Rimini, dott. Simone Badioli, la Direttrice dell’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio (Er.Go), dott.ssa Patrizia Mondin e un rappresentante degli studenti.

A seguire un aperitivo organizzato dalle associazioni studentesche, Erasmus Student Network e Free Exit, seguito da un concerto live i cui protagonisti saranno gli studenti. Un’occasione per i numerosi che hanno risposto alla call musicale “Campus Vibes”, lanciata dal Campus di Rimini, di farsi conoscere attraverso la propria musica.

“Anche attraverso questa rinnovata iniziativa – aggiunge il Presidente del Campus di Rimini, Prof. Sergio Brasini – vogliamo testimoniare la nostra costante attenzione nei confronti degli studenti iscritti ai 18 Corsi di Studio della sede. L’obiettivo che ci muove è quello di rendere sempre più fruibili ed integrati i diversi servizi a loro disposizione, proprio a partire da quelli di primo contatto e di accoglienza, in particolare per i numerosi studenti internazionali”.

Più informazioni su