Faenza. Gran successo per la seconda edizione del ”Progetto Sicurezza 2020”

Più informazioni su

Si è svolta con successo di pubblico e relatori del settore di caratura nazionale sabato 8 febbraio a Faenza la seconda edizione del ”Progetto Sicurezza” convegno dedicato all’educazione e sicurezza stradale col patrocinio dell’Osservatorio Regionale per l’educazione alla sicurezza stradale, del Comune di Faenza e il supporto del Ascd Avis Faenza gruppo ciclistico che quest’anno compie i suoi primi 40 anni e vuole festeggiarli al meglio, come ha detto nel saluto la presidente del sodalizio Maria Letizia Dall’Osso .

E’ stato lo stesso ideatore del progetto Sicurezza, Alvaro Vanni, ad aprire i lavori con una relazione dettagliata sul lavoro svolto e quello in programma per contrastare dati davvero drammatici: quasi 300 i ciclisti travolti e uccisi nel corso del 2019 ed oltre 600 i pedoni.”Numeri tragici” ha proseguito Avaro Vanni ”ai quali non possiamo dare risposte noi qui! ma rivolgo un accorato appello a tutta la comunità ed in modo particolare alle istituzioni e alla politica, affinché siano presi provvedimenti urgenti”.

Dopo il saluto del sindaco di Faenza Giovanni Malpezzi, del consigliere regionale Manuela Rontini ed un ringraziamento alle tanti istituzioni, forze dell’ordine,  associazioni e societa’ presenti, Vanni ha poi proseguito nello spiegare in cosa  consista il Progetto Sicurezza applicato a scopo educativo in primis all’interno del Cirucito Romagnolo dal 2019, di cui è il responsabiile della sicurezza.

Poi il pomeriggio è volato tra un relatore e l’altro in programma che hanno portato la loro testimonianza.Tra i tanti: Marco Scarponi per la Fondazione Michele Scarponi,Cristian Salvato presidente ACCPI; Stefano Pezzini progetto ”Safe2go” ed il dr. Roberto Nonni medico ( dirett. sanitario san Pier Damino Hospital) e ciclista che ha sottolineato l’importanza di una sana attività fisica con la bicicletta sia  utile per restare in forma e meglio di un farmaco poiché’ senza quasi effetti collaterali, oltre che accessibile a tutti, grazie al grande utilizzo oggi anche di e-bike. L’evento ha visto la partecipazione anche del vice direttore di corsa RCS del Giro d’Italia, Raffaele Babini, che assieme al giornalista della Gazzetta dello Sport Luca Gialanella ha evidenziato i rischi e i pericoli che attualmente corrono gli stessi professionisti non solo durante le gare ma soprattutto in allenamento.

Di forte interesse anche gli esempi pratici di primo soccorso portati dall’associazione Onlus ”Faenza per Te” e le regole stradali in area urbana da parte del Comandante della Polizia municipoale di Feanza Vasco Talenti.

Co-conduttrice dell’evento la giornalista televisiva Sabrina Sgalaberna quale ideatrice di “Pedala…Sicuro!” trasmissione dedicata alla Sicurezza stradale che vedrà nel 2020 una nuova rinnovata edizione!

Più informazioni su