Quantcast

Ippodromo di Cesena stagione 2021: i risultati delle corse di venerdì 23 luglio

Più informazioni su

La tropicale serata del Savio ha offerto divertenti digressioni tecniche agli appassionati convenuti sulle tribune e nel parterre del trotter cesenate, da vedere una tqq “Premio Quality Network” riservata ai cadetti programmata sul doppio chilometro, alla quale hanno aderito 14 binomi capeggiati in modo piuttosto netto dall’ospite toscano Barbablu, un allievo del team Casillo/Di Nardo in grande forma nel periodo sulle piste del centro nord. Svolgimento caotico, caratterizzato da numerose rotture e dalla fuga in avanti di Buzz Stecca, assai seguito al betting nonostante il plebiscito per Barbablu, il quale ha però irrimediabilmente sbagliato a poco meno di un giro dal termine della corsa, lasciando via libera al favorito, alle spalle del quale gli accorrenti Battisti Grif e Benjamin Bru sono entrati in contatto finendo a tabellone a tutto vantaggio dell’attendista Brigitte Gso e della opportunista Butterfly Horse, quarto Benny Trio sul trascurato Bizante Bar. Media di 1.14.6 per il vincitore e quote popolari per la tris, poco sopra i 187 euro e quartè a 420, nessun vincitore per il ticket dedicato alla scommessa quintè.

Stimate puledre hanno aperto le danze con la vittoria in bello stile della debuttante Diamante Bfc, erede della campionessa indigena Uma Francis allenata da Gennaro Casillo e guidata da Antonio Di Nardo, che in 1.19.3 ha disposto con facilità di avversarie piuttosto dispersive con Due Breed e Diva Indal nell’ordine sul podio e la deludente favorita Delfina Sl, quarta dopo aver palesato non pochi problemi d’impiego. Alla seconda successo per il teutonico Basta Nesta in 1.15.0 sulla breve, dopo corsa all’avanguardia sotto la regia tattica di un ispirato Roberto Vecchione per una immediata rivincita nei confronti di Antonio Di Nardo secondo sul traguardo con Barron Tav, terzo Bellum De Buty. Cronometri bollenti alla terza corsa, tre anni in vetrina e tentativo di fuga per l’attesa Coco Chanel Effe, proiettata in avanti da Andrea Farolfi, la femmina allenata da Walter Zanetti ha scandito parziali mozzafiato ai quali ha reagito il solo encomiabile Carosio Light, che a metà della dirittura d’arrivo ha colto in leggero affanno la leader per batterla in 1.14.0 mentre lontano Cortone Lady completava il podio. Alla quarta tre anni in rose e gentlemen in sediolo, lunga teoria di rotture e successo dopo perentorio percorso di testa per Cecilia Jet e Filippo Esposito, media di 1.16.6 per la giumenta allenata da Andrea Vitagliano, con Carbonella e Caipirinha Fi rispettivamente seconde e terze sul palo. Cinque e sei anni in schema ad handicap alla sesta corsa, partenza al fulmicotone per il penalizzato Zibellino Aby che Tommaso Gambino ha condotto ad una gara all’insegna della velocità scrollandosi di dosso tutti gli avversari il migliore dei quali è risultato il compagno di schieramento Zitrunas, secondo a qualche lunghezza dopo aver duellato con la svedese Vasterbo Sky High, di assoluto valore il ragguaglio del 5 anni di stanza al Savio che con 1.14.0 ha nettamente abbassato il suolo personale sulla media ottenendolo oltretutto con partenza da fermo. Anziani in chiusura con Per Te Bar e Carlo Hudorovich prevalenti in 1.14.6 dopo aver pedinato il battistrada Villeroi Si sino al’ingresso della dirittura e complice il calo del movimentatore Titus, essere passati con facilità sullo stesso leader e su Titus, mentre Simia Spritz ha chiuso al quarto posto.

Più informazioni su